MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Il Viagra, la pillola contro la disfunzione erettile, è arrivato nel commercio farmaceutico nel 1998, grazie all’azienda Pfizer i cui chimici cercavano delle sostanze adatte al trattamento dell’ipertensione arteriosa e dell’angina pectoris.

Si stima che 35 milioni di uomini abbiano fatto uso di 1,8 miliardi di compresse di Viagra. Perché tanto successo?  Il farmaco ha rivoluzionato il carattere medico della disfunzione maschile perché ha proposto un trattamento indolore rispetto alle iniezioni che venivano fatte in precedenza e, ad oggi, il farmaco è nella top ten dei più prescritti al mondo e, di fatto, è a capo di una “seconda rivoluzione sessuale”.

Non solo per uomini sale e pepe (o solo sale)

A differenza di quanto si possa pensare, la percentuale più alta di fruitori del Viagra appartiene ai giovani, anziché agli uomini che, per via dell’età, dovrebbero averne bisogno.
Sempre più ragazzi non possono (e non vogliono) fare a meno del Viagra “per scopo ricreativo”, per potenziare le proprie prestazioni sessuali. La percentuale di uomini di età tra i 18 e i 44 anni (quindi non la fascia «target» di farmaci di quel tipo) in meno di 4 anni è cresciuta del 312%, quella tra i 45 e i 55 anni, invece, è cresciuta del 216%.

Si consumano 6 pillole blu al secondo

Il farmaco è stato messo in vendita due anni prima del secondo millennio, ma in poco più di un decennio, si calcola che ne siano state vendute almeno 2,5 miliardi.

L’Italia è sul podio le consumatrici più sfegatate di Viagra, dopo la Gran Bretagna e prima della Germania. Solo nel 2011 le nostre farmacie hanno venduto 7 milioni di pillole. E le città prime in classifica sono Pistoia, Roma e Rimini.

Prolunga la vita… dei fiori

Riuscire a mantenere i fiori recisi freschi il più a lungo possibile è ciò che tutti gli amanti di giardinaggio (e le nonne) vorrebbero. Cosa c’è di meglio di un bel mazzo di fiori vivaci e duraturi? C’è un uso sconosciuto ai più della pillola blu, ed è quello di prolungare la vita dei fiori. Pare infatti che il Viagra allunghi la vita dei fiori recisi se messo in un vaso. “I fiori resistono fino a una o due settimane in più” rivela il professore Ya’acov Leshem dell’università di Newcastle.

Cosa significa “viagra”?

La parola unisce la terminologia latina che significa “forza”, con ricordo fonetico della parola “tigre” in indiano. Non è vero perciò che la pillola blu non fa aumentare il desiderio sessuale, al contrario ha due effetti benefici: combatte la disfunzione erettile e aumenta la voglia sessuale.

Altri benefici…

Il farmaco migliorerebbe la lotta all’obesità, come affermano i ricercatori dell’Università di Bonn. Secondo un’altra analisi il viagra funzionerebbe anche come abbattitore del jet lag.
Secondo l’università di Quilmes: “Chi fa uso di viagra dice che ha effetti positivi anche sul sonno”.

Il viagra non è indicato per le donne ma una ricerca dell’università del New Mexico spiega che “Può aiutare come farmaco antidepressivo”.
Il Viagra migliora le prestazioni atletiche? Migliora la circolazione e potrebbe migliorare le prestazioni.

Anche i nomi noti hanno fatto uso della pillola blu, a partire da Jack Nicholson ma anche Tom Kaulitz dei Tokio Hotel, e il fondatore di Playboy Hugh Hefner che lo ha descritto come ‘elisir di lunga vita’.

Il viagra è anche entrato a far parte della cinematografia e dei romanzi e la pillola blu è entrata a far parte dell’immaginario comune, con scherzi e battute.

Federica Fiordalice

LEGGI ANCHE: Il sesso focoso della terza età

SEGUICI SU FACEBOOK  TWITTER INSTAGRAM

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here