MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

L’ipotesi di approvvigionarsi del vaccino Sputnik è stata ventilata da diversi presidenti di Regione, anche se non è intervenuto il presidente della Campania, De Luca. Il governo, spiega chi ha partecipato all’incontro con i governatori, il commissario all’Emergenza Figliuolo, il capo della Protezione civile, Curcio, avrebbero rimarcato che al più presto arriveranno chiarimenti ulteriori, ma è stato comunque spiegato dal ministro Speranza, riferiscono le stesse fonti, che il no è netto.

Gli acquisti – è l’indicazione arrivata, secondo quanto apprende l’AGI – non li fa nemmeno lo Stato nazionale, ma l’Unione europea. E quindi non possono farli le Regioni. Ma l’esecutivo – e il premier Draghi in primis – è ottimista sulla possibilità di accelerare.

La campagna vaccinale – ha argomentato il presidente del Consiglio – sta migliorando rapidamente. Gli obiettivi prefissati per aprile e maggio, in riferimento alle forniture di vaccini e al numero delle vaccinazioni, pari al mezzo milione di vaccinati al giorno, non sono lontani.

Sono in arrivo tre milioni di dosi, l’obiettivo è – come affermato dalla Commissione Ue – arrivare all’immunità di gregge entro luglio, il vaccino Johnson & Johnson arriverà in Italia il 16 aprile. E ci sarà la mano tesa sul problema della carenza del personale.

Non si è entrati nello specifico, ma molti presidenti di Regione chiedono che ci siano bandi regionali e non nazionali. Mentre è stato ribadito dall’esecutivo che ogni strumento, compresi aghi e siringhe, saranno messi a disposizione delle Regioni. “Il piano di vaccinazione non puo’ essere raccontato come uno scontro tra Governo e Regioni”, ha detto Toti. “Serve chiarezza sulle forniture”, la richiesta di Zaia.

L’UE PRESENTA IL ‘PASSAPORTO’ VACCINALE, IN VIGORE DA GIUGNO

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here