MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Marco Diana ha combattuto prima come militare in Somalia e Kosovo, impegnato per oltre 10 anni in missioni. Poi, al ritorno in Italia, ha dovuto combattere contro la malattiacontratta proprio nei teatri di guerra, un tumore al sistema linfatico.

L’ex maresciallo dell’Esercito italiano diventato simbolo nella battaglia contro l’uranio impoverito, è morto ieri, il 7 ottobre a 50 anni. Era ricoverato al Policlinico di Monserrato (Cagliari) da un paio di giorni.

Oltre che contro il tumore, Diana ha dovuto intraprendere una lotta anche contro le istituzioni, che non volevano riconoscergli la causa di servizio, contro lo Stato, dal quale si sentiva abbandonato, ma anche contro tutti quelli che non volevano accettare che il male fosse stato provocato dall’uranio impoverito.

Originario di Villamassargia in Sardegna, Diana ha combattuto a lungo per ottenere quanto gli spettava. Infine la Corte dei conti gli ha riconosciuto la causa di servizio e il diritto alla pensione privilegiata di prima categoria con relativo risarcimento. Ma anche dopo, l’ex militare ha dovuto lottare a lungo contro la burocrazia per ottenere quello che gli spettava. Negli anni si è battuto pubblicamente per la ricerca della verità legata alle malattie contratte dai soldatidurante le missioni all’estero.

LEGGI ANCHE: VIRGINIA RAGGI IN AUTOISOLAMENTO

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here