Finalmente i Fratelli Mattei saranno ricordati anche nel luogo del loro martirio: una targa sarà apposta sul palazzo di via Bernardo da Bibbiena, a Primavalle, dove furono assassinati nella notte del 16 aprile 1973. Stefano e Virgilio avevano 8 e 22 anni quando morirono arsi vivi nell’incendio appiccato alla loro casa dai militanti di Potere operaio Achille Lollo, Marino Clavo e Manlio Grillo. Alla targa si giunge grazie all’iniziativa dei consiglieri del Muncipio XIV, Stefano Oddo e Alberto Mariani.

Il sì unanime del consiglio municipale

Furono Oddi e Mariani, un anno fa, a proporre l’ordine del giorno per l’apposizione della targa in quel luogo dove il 16 aprile si ritrovano anche le istituzioni. L’ordine del giorno ottenne un sì unanime da parte del consiglio. Si tratta di un risultato non scontato. Alcuni anni fa, quando il centrodestra che guidava l’allora Municipio XIX intitolò un giardino alla memoria di Stefano e Virgilio ci fu chi si oppose. Stavolta l’unico atteggiamento “ostruzionistico” è stato quello della burocrazia. «Sono molto felice che siamo finalmente arrivati alla conclusione di un iter burocratico lungo e farraginoso. La targa è solo l’inizio di un lavoro che insieme ad Antonella Mattei stiamo portando avantida molti anni. Il nostro più grande obiettivo è far conoscere sopratutto ai più giovani la storia di Stefano e Virgilio», commenta Oddo.

Fonte: Il Secolo d’Italia

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here