siti web

Nell’era dell’internet a portata di mano, abbiamo voluto dare una sbirciatina alla Top 10 dei siti web più visitati quest’anno, in Italia e nel mondo.
Sono stati messi sotto analisi più di 680mila domini, considerando anche il traffico desktop e quello mobile.

Gli italiani prediligono le categorie e-commerce, porno e news (ma non solo)

Rispetto all’anno precendente, il 2018, non ci sono grandi variazioni. Ai primi due posti troviamo il colosso Google, nei domini .com e .it, seguiti da Facebook.
Quest’anno, il sovrano del porno Pornhub entra a gamba tesa nella Top 10, in 9° posizione, dopo WikipediaYoutubeAmazon, che continua a essere il sito di e-commerce più utilizzato, Repubblica.itSubito.

Nel 2019 l’utilizzo di dispositivi mobili è nettamente più alto rispetto a quello da pc o tablet.
Dall’undicesima posizione fino alla numero 50, troviamo una predominanza di tre tipologie di siti: meteo, porno e news, tra cui AnsaIl Fatto Quotidiano.

siti web

Scende Ebay, spunta Iliad

Colpi di scena per quanto riguarda brand importanti come Ebay, che perde la Top 10 rispetto allo scorso 2018. Booking.com resta al proprio posto, stabile; ma in centesima posizione spunta il nuovo operatore della telefonia mobile di stampo francese Iliad, che sta riscuotendo molto successo, soprattutto tra i giovani.

E per quanto riguarda il resto del mondo?

Chiaramente i risultati dei siti web più visitati nel mondo cambiano un po’.
Partiamo dal colosso di shopping online, con sede a Seattle, che in vent’anni ha scalato le classifiche fino a posizionarsi tra i posti più in alto: Amazon.com. In decima posizione, è la più grande Internet company al mondo.
Dopo il primo negli Usa, ha creato poi altri siti web in Canada, Regno Unito, Germania, Australia, Francia, Italia, Spagna, Cina, Brasile, Messico, Giappone, Paesi Bassi e India e spedisce i suoi prodotti in tutto il mondo.

In nona posizione troviamo Tmall.com. È un sito web in lingua cinese per la vendita al dettaglio business-to-consumer (B2C), utilizzato dalle imprese locali cinesi e internazionali per vendere prodotti di marca ai consumatori in Cina, Hong Kong, Macao e Taiwan. Competendo con Amazon, ha oltre 500 milioni di utenti attivi ogni mese.

All’ottavo posto si posiziona Taobao, molto simile a Tmall. Occupa la quinta posizione dei siti web più visitati in Cina, ed è tra i più grandi espositori di prodotti e-commerce.

In settima posizione, Qq.com. In pratica, il Google cinese. Uno tra i motori di ricerca più utilizzati, ma sotto questo nome troviamo anche chat vocali, gaming e moltissimo altro ancora.

siti web

Ci avviciniamo ai primi posti! In sesta posizione, il sito web più visitato è Yahoo, che offre servizi di news, mail, motore di ricerca e tanti altri. Una sua famosa caratterisitca è la funzione Yahoo Answers, ossia un portale dove ogni utente registrato può fare una domanda alla community, scegliendo l’argomento e settando altri parametri.

Nella top 5 troviamo Wikipedia, la grande (e preziosissima!) enciclopedia globale online. Non ha bisogno di ulteriori presentazioni: vanta oltre 45 milioni di voci e 280 lingue differenti!
Salendo troviamo Baidu, un altro motore di ricerca cinese, alter ego di Google. È stato il primo in Cina a offrire un motore di ricerca anche su smartphone con sistema di navigazione WAP.

Ai primi tre posti, troviamo i colossi indiscussi: Facebook che ha ribaltato il concetto di “amicizia virtuale”, Youtube, capace di far conoscere talenti, insegnare e divertire; e infine Google che continua a battere ogni record, classificandosi ancora al primo posto.

Federica Fiordalice

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here