tesla_ wopper burger king campagna pubblicitaria segnale stop_nonelaradio.it
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Cosa succede se un avanzato sistema di guida automatica, scambia il logo di un noto fast food per un comunissimo stop? Per fortuna niente di grave, nessuno si è fatto male. Però, se l’autopilot è Tesla, e il noto fast food è Burger King può venire fuori una campagna di marketing interessante.

L’EPISODIO INIZIALE.
Tutto è iniziato quando sui social media, sono apparsi video di piloti che hanno notato che la loro Tesla si comportava stranamente nei pressi dei Burger King. Ebbene, inserendo il pilota automatico, la macchina tendeva a rallentare automaticamente in prossimità dei segnali pubblicitari di Burger King. L’auto andava lenta … e ancora più lenta, fino a quando si fermava completamente vicino al fast food.

Presto la gente scoprì cosa stava succedendo: per essere in grado di guidare in modo semi-autonomo infatti, la Tesla legge tutti i segnali stradali lungo la strada e reagisce a loro. La tecnologia di Tesla è stata criticata in passato perché nonostante la sua attenzione tecnologica nei software automobilistici, continua a dimostrarsi tutt’altro che impeccabile. 

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA.
I panni sporchi si lavano a casa. E mentre in casa Tesla saranno impegnati a rimediare all’errore, questo difetto ha ispirato creatività dell’ufficio marketing in casa Burger King. La quale ha subito fatto di necessità virtù, creando una campagna pubblicitaria negli Stati Uniti sotto l’hashtag #autopilotwhopper : il pilota automatico che ti porta al panino, potremmo tradurre. Oppure, come specifica il claim nel video: ” Le macchine intelligenti, sono abbastanza intelligenti, da sapere quando devi frenare per un panino.”

Burger King gira il problema a proprio favore, postando su Youtube un video in cui si invitano gli automobilisti con una Tesla a mettere l’autopilot e, a guidare verso un Burger King. Chi filma tutto il percorso e dimostra che la Tesla si ferma effettivamente davanti al cartellone del fast food, condividendo l’episodio sui social media, ottiene un Whopper gratis. 

Un altro punto a segno per la catena di fast food che fa sempre più Growth Hacking: già lo scorso mese, era uscita con una campagna geniale sul distanziamento sociale anti Covid. Il Whopper, panino di punta della catena, venne proposto con tripla cipolla per mantenere a debita distanza il tuo vicino. 

Di: Elsa Terenzi

LEGGI ANCHE: Ellie Goldstein, la prima modella Gucci con sindrome di Down.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

 

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here