MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Margherita Panziera nei 200 metri dorso: per lei il crono di 2:01.45 (anche record italiano), battute l’ucraina Zevina e la olandese Toussaint. Argento per Ilaria Bianchi nei 200 farfalla. Pellegrini e Sabbioni fuori dal podio

Margherita Panziera  ancora una volta oro a Glasgow , città evidentemente legata al suo destino. Dopo la delusione nei 100 metri, infatti, Margherita trova il modo di riscattarsi, con le sue caratteristiche, ritmo e progressione. Già la sua partenza è però di ottimo livello, tanto da porla già a ridosso di Zevina e Toussaint (Margherita ai 50 metri è terza, a soli 10 centesimi dall’ucraina). Man mano che la gara entra nel vivo, però, non c’è più modo per le avversarie di rientrare: l’Azzurra a metà gara è già prima, con 5 centesimi di vantaggio e un distacco sulle rivali che aumenta inesorabilmente fino alla fine, tanto da permetterle il lusso di chiudere l’ultima vasca limitandosi a controllare. E questo successo permette alla Panziera anche di stabilire il nuovo record italiano, abbassando il precedente limite che aveva lei stessa fissato (2:01.56).

Ilaria Bianchi,  invece sfiora l’oro, nei 200 farfalla conquista comunque una straordinaria medaglia d’argento dopo aver condotto una gara persa solo nella parte finale contro una fuoriclasse come la ungherese Katinka Hosszu.

Nessuna medaglie invece per Federica Pellegrini, che nella finale dei 100 stile libero non va oltre il sesto tempo, nella gara vinta dalla britannica Anderson sulla francese Gastaldello e la olandese Heemskerk: per la campionessa di Mirano, non una specialista della distanza, il discreto tempo di 52:30 (la vincitrice nuota in 51:49).

Amarezza per Simone Sabbioni, quarto nei 100 dorso e a tre centesimi dal bronzo del rumeno Glinta (vittoria al russo Kolesnikov, secondo il tedesco Diener). Settima nella finale dei 100 misti donne Costanza Cocconcelli (oro ancora alla Hosszu, davanti alla russa Kameneva e alla finlandese Laukkanen). Sesto Alessandro Miressi e settimo Federico Bocchia nei 50 stile libero, che vedono il successo del russo Morozov sul francese Manaudou.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here