MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Le gare delle 15 vedono la Juventus contro l’Udinese, il Sassuolo che ospita il Milan e Bologna-Atalanta.

La Juventus senza Szczesny e Khedira infortunati che si aggiungono a Chiellini, fuori anche Pjanic e Cuadrado, solo panchina per De Ligt, Alex Sandro e Bernardeschi, dove torna anche Douglas Costa.

Nell’Udinese mancano Jajalo, Sema e Samir infortunati.

La squadra di Sarri sin da subito si diverte e fa vedere il dominio sui friulani, il tridente d’attacco e un De Sciglio in gran forma mettono in crisi la squadra di Gotti.

Una grande azione manda in gol Cristiano Ronaldo con un destro secco allangolino basso su passaggio perfetto di Dybala, che all’azione dopo sfiora il raddoppio.

Occasionissima per Higuain ma ottima parata di Musso, tutto nasce da una discesa centrale di Dybala dalla propria area lancio per CR7 che passa dietro al Pipita, bravo però il portiere argentino.

Palla geniale di Higuain sul movimento di Cristiano Ronaldo che va via a Troost-Ekong e insacca con un bel sinistro alle spalle dell’esterno difensore; doppietta quindi per il fenomeno CR7.

Allo scadere del primo tempo, corner, svetta Demiral che anticipa Fofana facendo sponda per Bonucci che arriva e di testa anticipa l’uscita di Musso e Troost-Ekong, traversa e gol.

Qualche occasione per gli uomini di Gotti, ma Demiral, Bonucci e Buffon negano in tutti i modi il gol; gol che non arriva nemmeno per Cristiano Ronaldo, ma si tratterebbe del terzo personale, prima Musso e poi il palo dicono no al portoghese.

I più pericolosi per l’Udinese sono starai comunque Lasagna, Nestorovski e a Pussetto, questi ultimi due entrati nella ripresa, bene anche Fofana.

Alla fine proprio Ignacio Pussetto toglie l’imbattibilitá a Gigi Buffon, un rimpallo lo favorisce e l’argentino anticipa Danilo e Douglas Costa.

A San Siro il Milan soffre un ottimo Sassuolo, soprattutto il velocissimo Boga, rossoneri che comunque giocano bene, qualche occasione per Piatek e Suso da una parte e per Caputo dall’altra.

In vantaggio vanno proprio i rossoneri, tiro di sinistro potente da fuori area di Theo Hernandez, deviato da Locatelli che spiazza Pegolo, oggi preferito al giovanissimo Turati, annullato al Var per un fallo di mano di Kessiè.

Grande azione rossonera con il neo entrato Leao che servito da Bonaventura, destro a giro e traversa piena; passa pochissimo e ancora Rafael Leao che con un buon tiro colpisce stavolta il palo.

Al Dall’Ara il Bologna di Mihajlovic ospita l’Atalanta entusiasta per il passaggio agli ottavi di Champion’s League; nei rossoblu ancora fuori Soriano.

Negli orobici mancano i soliti Kjaer, Ilicic, Zapata e si aggiunge Gomez nella rifinitura.

I padroni di casa partono male, spreca due occasioni Malinovskyi per gli ospiti e passano  in vantaggio i rossoblu con il veterano Rodrigo Palacio che raccoglie la respinta del palo sul tiro di Orsolini.

Può pareggiare la squadra ospite ma Pasalic sbaglia clamorosamente, contropiede emiliano e gran parata di Gollini.

Inizia la ripresa e c’è clamorosamente il raddoppio del Bologna, cross favoloso di Tomiyasu, svetta Poli che anticipa Djimsiti e batte Gollini con una parabola meravigliosa.

I bergamaschi reagiscono e arriva il gol di Malinovskyi che avuto pare che occasioni, stavolta però riesce ad insaccarla finalmente su ottimo assist del neo entrato Barrow.

La Juventus torna in testa, in attesa dell’Inter stasera a Firenze, battendo 3-1 l’Udinese; il Bologna di Mihajlovic stende l’Atalanta di Gasperini 2-1, solo 0-0, ma molto bella la gara, tra Milan e Sassuolo.

Edoardo Massetti

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here