Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab

Il Borussia Dortmund dei giovani gioiellini ha la meglio sul PSG dei campioni.

Questo è ciò che accade in Germania davanti al famoso è spettacolare “Muro Giallo” dei tifosi di casa.

Primo tempo abbastanza equilibrato che vede sbagliare qualche occasione di troppo al norvegese Haaland da una parte e a Neymar e Mbappè dall’altra.

Nella ripresa entra il giovanissimo classe 2002 statunitense e figlio d’arte, Reyna, il papà è un ex capitano della Nazionale USA, e cambia l’inerzia della gara; da un’azione che nasce proprio dai piedi del piccolo Giovanni arriva il gol del bomber Haaland, che approfitta e trafigge in scivolata alta sotto la traversa Keylor Navas.

Passano soltanto sei minuti e Neymar su assist importante del fenomeno Mbappè riporta la situazione in parità, ma dura soltanto due minuti perché Reyna inventa un assist in profondità perfetto per il solito Haaland che dal limite dell’area di rigore.

L’attaccante si sistema per il tiro e scarica un sinistro sotto la traversa imprendibile per il portiere costaricense, per il norvegese diventano 10 gol in 7 partite di Champion’s League tra Salisburgo e Dortmund a 20 anni.

Termina così la gara che crea ancora più curiosità ed aspettativa per il match di ritorno, con i tedeschi che partono avvantaggiati ma i francesi segnando il gol fuori casa rimangono più che in partita.

Favre dovrà studiare un piano per andare a Parigi e cercare di arginare il favoloso attacco francese con Neymar, Mbappè, Cavani, Icardi, Di Maria e Sarabia.

Al contrario i francesi forti del gol in trasferta dovranno cercare di farla loro cercando di non subire gol e facendone almeno uno, tenendo d’occhio comunque i pericolosi giovani alla ribalta gialloneri, Reyna, Haaland e Sancho su tutti.

LEGGI ANCHE: I match di andata degli ottavi di Champion’s League

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here