MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Charlotte espugna Cleveland, Hornets che hanno la meglio anche grazie alle prove di Rozier, 30 punti, Graham, 16 punti e Bacon 15 punti; per i Cavaliers bene il solito Sexton con 21 punti, Kevin Love con 18 e il turco Osman con 17.

Denver riesce a vincere a Indiana, Nuggets perfetti, bene Porter con 25 punti, Jokic e Murray con 22 punti e Barton con 16; i Pacers hanno fatto una buona gara ma non è bastato, ottima prova per Lamb, 30 punti, Turner, 21 punti, Warren, 20 punti e Sabonis, 18.

Miami batte Toronto in una gara molto combattuta e con un punteggio basso rispetto alla media, non bastano ai Raptors  Ibaka e Lowry rispettivamente con 19 e 15 punti, per lo spagnolo anche 10 rimbalzi.

Adebayo con 15 punti e 14 rimbalzi, e Dragic e Herro con 13 punti sono fondamentali per gli Heat.

Miami Heat che dichiarano il ritiro della maglia numero 3 in onore della leggenda Dwayne Wade.

Utah vince in quel di Chicago di soli 4 punti, non bastano ai Bulls, LaVine con 26 punti, Wendell Carter Jr. con 18 punti e 13 rimbalzi e il finlandese Markkanen con 18 punti.

Per i Jazz decisiva la prova di Bogdanovic, 19 punti, Gobert e Mitchell con 17 punti, il francese anche 12 rimbalzi e Clarkson con 12 punti.

Favolosa vittoria di Minnesota contro Golden State, super prova nei Timberwolves di Covington e Napier con 20 punti, il primo chiude anche con 10 rimbalzi, Reid, 13 punti e Martin 12 punti.

Agli Warriors ancora senza Steph Curry, si salvano soltanto Robinson con 16 punti e Paschall con 13 punti.

Dallas annienta Brooklyn con una prova eccezionale del giovane fenomeno Luka Doncic, 31 punti e 13 rimbalzi, insieme ai 25 di Seth Curry e ai 18 di Kleber; per i Nets 19 di Dinwiddie, 14 di Musa e 11 di Chandler, Harris, Pinson e Prince.

Oklahoma del nostro Gallinari vince a San Antonio del nostro Belinelli, ancora infortunato, oltre al nazionale tricolore che ne mette 13, decisivi i 25 di Gilgeous-Alexander, i 19 di Schroder, i 16 di Chris Paul e i 14 di Adams.

Agli Spurs non basta la prova di DeRozan, 30 punti, di Aldridge, 22 punti e 11 rimbalzi e Walker 16.

Vince Sacramento contro Memphis, non bastano ai Grizzlies i 23 di Morant, i 19 di Crowder e i 18 di Jackson e Valanciunas, per il lituano anche 12 rimbalzi.

I Kings vincono grazie all’ottima prova di Fox, 27 punti, Hield, 26 punti e Holmes, 18.

I Clippers si prendono gioco dei Pistons, Los Angeles alla vittoria grazie soprattutto a Harrell, 23 punti, Williams, 22 punti e Kawhi Leonard, 18 punti.

Detroit deve arrendersi nonostante i 15 di Brown e i 14 di Mykhailiuk, Derrick Rose, Snell e Wood.

Boston batte di soli 3 punti Atlanta, il miglior marcatore è Young con 28 punti e 10 assist per gli Hawks, bene anche Huerter con 17 punti e Collins con 16 ma non è sufficiente.

I Celtics la portano a casa grazie a Brown, 24 punti e 10 assist, Hayward, 18 punti, Smart, 15 punti, Kanter e il tedesco Theis, 14 punti e Tatum, 13 punti ma con pochi minuti sulle gambe.

Schiacciante vittoria di Orlando su Miami, Ross con 25 punti sommato ai 20 con 11 rimbalzi di Vucevic, ai 16 di Gordon e ai 15 di Fournier decidono in favore dei Magic; agli Heat non basta la prova di Butler, 23 punti e 10 rimbalzi e di Adebayo, 14 punti e 10 rimbalzi.

Fantastica vittoria di Portland in quel di Washington, i 35 punti di Lillard, i 24 di McCollum, i 23 con 21 rimbalzi di Whiteside e i 16 di Carmelo Anthony danno il risultato ai Blazers; agli Wizards non bastano McRae con 35 punti, Mathews con 18 punti e Smith con 16 punti.

James Harden, non ci sono più parole per descrivere l’hipster dei Rockets che con i suoi 44 punti, 11 rimbalzi e 11 assist la fa da padrone, tripla doppia per lui, se poi ci si mettono lo svizzero Capela con 30 punti e 14 rimbalzi e Russell Westbrook con 20 punti non ce n’è per nessuno.

Non bastano ai 76ers, 29 punti, 13 rimbalzi e 11 assist di Simmons, 24 punti di Harris e 20 punti con 12 rimbalzi di Embiid.

Phoenix stende New York, ai Phoenix bastano i 38 di Booker, i 29 di Oubre e i 20 con 12 rimbalzi di Baynes; i Knicks tornano nell’oblio nonostante la buona prova di Marcus Morris, 25 punti e Portis, 20 punti.

Anthony Davis, un solo nome per questa tornata di gare può affiancare come prestazione James Harden, l’ala grande e centro dei Lakers tortura i Pelicans privi del nostro Nicolò Melli.

Il mattatore di serata con i suoi 46 punti e 13 rimbalzi la fa da padrone assoluto, accompagnato da un maestoso Danny Green, autore di 25 punti, “solo” 17 punti e 15 assist per “The KingLeBron James; per New Orleans si salvano Ball, 23 punti, Ingram, 22 punti, Moore, 16 punti e Favors, 15 punti e 14 rimbalzi.

 

RISULTATI:

Cleveland Cavaliers-Charlotte Hornets 106-109

Indiana Pacers-Denver Nuggets 116-124

Miami Heat-Toronto Raptors 84-76

Chicago Bulls-Utah Jazz 98-102

Minnesota Timberwolves-Golden State Warriors 99-84

Dallas Mavericks-Brooklyn Nets 123-111

San Antonio Spurs-Oklahoma City Thunder 103-109

Sacramento Kings-Memphis Grizzlies 128-123

Los Angeles Clippers-Detroit Pistons 126-112

Boston Celtics-Atlanta Hawks 109-106

Orlando Magic-Miami Heat 105-85

Washington Wizards-Portland Trail Blazers 103-122

Houston Rockets-Philadelphia 76ers 118-108

Phoenix Suns-New York Knicks 120-112

Los Angeles Lakers-New Orleans Pelicans 123-113

 

CLASSIFICA WESTERN CONFERENCE:

CLASSIFICA EASTERN CONFERENCE:

Edoardo Massetti

LEGGI ANCHE: Dopo Allan anche Mertens rinnova con il Napoli

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here