A North Korean flag flutters in the wind at a military guard post in Paju, at the border with North Korea, Sunday, May 3, 2020. North and South Korean troops exchanged fire along their tense border on Sunday, the South’s military said, blaming North Korean soldiers for targeting a guard post. (AP Photo/Ahn Young-joon)
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

All’alba di questa mattina al confine tra Corea del Nord e Corea del Sud si è verificata una sparatoria.

Un posto di guardia sudcoreano è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco provenienti dal Nord, nessuno è rimasto ferito o ucciso, i militari sudcoreani hanno risposto al fuoco con diversi colpi di pistola ed un formale avvertimento.

Da Seul tuttavia fanno sapere che l’episodio potrebbe essere frutto di un errore, al momento sono in corso consultazioni tra i due Paesi attraverso la “linea rossa”.

Ufficialmente le due Coree sarebbero ancora in guerra, sebbene i combattimenti siano cessati dalla firma dell’armistizio del 1953.

Da allora la zona di confine, detta Zona Demilitarizzata, è stata pesantemente fortificata: campi minati, filo spinato, bunker, fortini, torri e posti di guardia.

Il riaccendersi delle tensioni arriva a pochi giorni dal ritorno in tv del leader nordcoreano Kim Jong-Un, riapparso nella scena pubblica durante l’inaugurazione di una fabbrica di fertilizzanti a Sunchon.

LEGGI ANCHE: Cronaca: Sudan, le mutilazioni genitali femminili sono finalmente reato

Oggi è la giornata mondiale della libertà di stampa. Italia al 43simo posto

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

 

 

 

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here