Signer conduce 6:1 e si ferma: Algaras nella finale di Indian Wells!

Carlos Algarz è diventato il primo tennista a battere Janic Ciner nel 2024 dopo che lo spagnolo è stato “ripulito” nel primo set in una partita di 34 minuti.

Quando però il campione in carica ha cambiato stile di gioco all'inizio del secondo set, decidendo di attaccare meno e di essere più paziente negli scambi, si è verificata una grande inversione di tendenza e “Carlit” è tornato in finale.

L'anno scorso ha battuto l'italiano in due set, quest'anno nel deserto della California in tre set: (2) Campione di Wimbledon – (3) Campione dell'Australian Open 1:6, 6:3, 6:2.

Visco vide tutto, ma rimase di nuovo incredulo: cosa stai facendo!?

Clive Brunskill/Getty Images

Tra le due sconfitte contro l'Algaras nella prima semifinale del Masters della stagione, Signer ha vinto entrambi gli incontri: le semifinali di Miami e Pechino.

Dopo aver pareggiato l'acceso incontro ATP sul 4:4, Algaraz attenderà l'esito della seconda semifinale (sempre in diretta allo Sport Club) per trovare il suo avversario nella lotta per 1.000 punti e un assegno da 1.100.000 dollari. (17) Tommy Ball o, ancora, (4) Danil Medvedev.

Dal momento in cui ha subito il primo break della partita, 3:1 a favore del suo rivale nel quarto game del secondo set, il più giovane di due anni, “il miglior tennista del pianeta in questo momento” (citato Nebojša Višković) era praticamente irriconoscibile. Nervoso su come gestire un Algaraz diverso, Siner ha triplicato il numero di errori rispetto all'inizio della partita e ha iniziato la prima sconfitta dopo 17 vittorie dall'inizio della stagione.

READ  Sintomi e trattamento della preeclampsia durante la gravidanza
Carlos Algaraz
Clive Brunskill/Getty Images

Algaraz ha potuto riconoscere chiaramente quello spostamento dall'altra parte della rete, quindi il terzo set – per la maggior parte – è avvenuto su un errore non forzato di Janic sul “lancio sotto” di Carlos.

Sì, ci sono stati occasionalmente punti brillanti e vincitori, ma in generale l'italiano non è riuscito a ritrovare la sua vacillante fiducia, anche perché ha subito una brutta caduta durante la prima pausa contro Algaraz nel terzo set.

Il pubblico neutrale, che ha sostenuto un Algarez scosso dopo il primo set, a quel punto si era in gran parte rivolto a Signer, sperando che la semifinale durasse, ma è durata più di due ore e tre minuti.

Una pioggia inaspettata in California ha interrotto a lungo la lotta dopo le prime tre partite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *