Cesare Marini, consulente informatico della Procura di Brescia, ha presentato una denuncia contro ignoti dopo che qualcuno si è presentato a suo nome nel carcere di Bollate, nel Milanese, e ha parlato con Massimo Bossetti. Lo sconosciuto avrebbe proposto al muratore, condannato all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, una nuova linea difensiva con possibili nuovi sviluppi sul fronte del Dna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here