Calderoli
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Maggioranza salva per 3 voti al senato e successiva bagarre  che e’ terminata la discussione generale sul decreto ELEZIONI.

A creare ‘scompiglio’ in Aula e’ la proposta avanzata dal senatore della Lega Roberto Calderoli, che ha chiesto – prima che il governo ponesse la fiducia sul decreto – di procedere subito al voto con procedimento nominale per alzata di mano.

A quel punto la presidente Elisabetta Casellati, dopo aver chiesto se qualcuno voleva intervenire, ha posto in votazione per alzata di mano la richiesta, decretandone.

Ma da maggioranza e opposizioni si sono sollevate le proteste, con la richiesta della ‘controprova’, quindi la presidente ha fatto svolgere la votazione di conferma con voto elettronico. L’Aula si trasforma in una sorta di curva da stadio, con cori al grido di “onesta’ onesta’”, e le accuse, poi ufficializzate dallo stesso Calderoli intervenendo in Aula, di alcuni senatori prima non presenti accordi nell’emiciclo per votare.

La contestazione e’ sull’esitodel voto di controprova, che boccia la richiesta di Calderoli per 3 soli voti (favorevoli 102, contrari 103).

La proposta di Calderoili, se fosse stata approvata, faceva si’ che l’Aula passasse subito al voto, impedendo di fatto al Governo di porre la fiducia.

LEGGI ANCHE: [VIDEO]-Francia, gli operatori sanitari scendono in piazza; proteste per le modalità di arresto di un infermiera

5g, 500 sindaci italiani si ribellano e chiedono di saperne di più

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM

SEGUICI SU  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here