MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

SERGIO PIROZZI CONTRO TUTTI

Un Sergio Pirozzi a tutto campo quello ospite in studio nella puntata odierna di Un caffè con…, condotta da Valerio Scambelluri coadiuvato oggi da Umberto Pagoni, dell’associazione Ko al terremoto.

Sergio Pirozzi, oggi Consigliere Regionale del Lazio, è balzato agli onori delle cronache dal giorno del terribile terremoto del 24 Agosto 2016, che sconvolse tutto il Centro Italia che causò, solo nella città che all’epoca amministrava come Sindaco, 238 morti dei 303 totali.

Com’è la situazione ad Amatrice oggi?

Un disastro! Solo il 5% degli edifici privati è stato ricostruito e nessun edificio pubblico, ci sono tante famiglie che sono dovute andare ad abitare in altri paesi e che non sanno quando potranno pensare di tornare nel nostro borgo.

Purtroppo anche da noi, nonostante le sfilate acchiappaconsensi di chi governava all’epoca, hanno fatto solo chiacchiere ma nessun fatto concreto, dal primo ministro dell’epoca Matteo Renzi per poi proseguire con i vari Paolo Gentiloni e Giuseppe Conte.

Hanno tutti fatto una corsa a dire che avrebbero ricostruito il paese esattamente com’era prima ma ad oggi è un paese fantasma e non ci sembra di vedere che i lavori stanno minimamente per iniziare.

Ma aldilà delle capacità o delle incompetenze, il problema dell’Italia è sempre lo stesso, la burocrazia! Non è possibile pensare di far gestire le emergenze dal Governo, che parla con le Regioni, che parlano col Commissario, che parlano coi Vice Commissari etc…

Andrebbero interessati i Sindaci con poteri speciali, che conoscono a menadito il loro territorio, ed hanno tutta l’intenzione di aiutare la sua cittadinanza nel migliore dei modi e nel minor tempo possibile!

Solo per demolire le case pericolanti abbiamo dovuto rintracciare persone che erano all’estero e che non si trovavano, e ciò ha rallentato tutto in modo pazzesco!

Pensa che in Italia abbiamo circa 80 miliardi di euro del fondo di coesione per le opere pubbliche, che non vengono spesi, perchè vanno ascoltati i pareri di decine e decine di persone… a tale scopo il Governo Berlusconi fece la Legge obiettivo che permetteva di bypassare tutti questi paletti, ma che non voleva dire “elargire senza controllare”, ti dava semplicemente la possibilità di dare subito gli aiuti e controllare tutto in un secondo momento… solo così affronti i disagi economici e le ricostruzioni, altrimenti si rischia di alimentare la rabbia sociale a causa delle illusioni che si creano…

Durante la puntata Pirozzi ci ha raccontato le diverse proposte di legge, alcune realizzate, per aiutare chi era stato colpito dal sisma, dall’indennizzo totale anche per le tante persone che avevano in quei posti le seconde case, la possibilità di costruire case provvisorie in terreni idonei e la creazione di circa 500 posti letto in tante case dei comuni limitrofi da utilizzare come strutture ricettiva, oltre a tutti i bonus erogati subito dopo il terremoto.

Con una punta di orgoglio l’ex Sindaco ci ricorda anche i negozi, seppur provvisori che dopo un anno erano già stati riaperti ad Amatrice, mentre in altri paesi le attività hanno ripreso solo a dicembre scorso.

E vi voglio precisare, continua Pirozzi, che i tanti aiuti che il Comune è riuscita ad erogare sono stati quelli realizzati utilizzando le donazioni arrivate direttamente sul conto corrente del Comune che aprimmo subito, e che ad oggi ha ancora 7 milioni di euro da spendere, mentre i famosi soldi degli SMS SOLIDALI sono stati gestiti dalla Regione che li ha utilizzati in zone non colpite dal terremoto, come il Comune di Collevecchio, solo per fare opera di proselitismo politico, togliendo soldi ai reali destinatari.

Interessanti gli interventi di Marco Fioravanti, giovane Sindaco di Ascoli Piceno, cittadina coivolta dal sisma, che ha mosso le stesse accuse alla burocrazia italiana, accusandola di non dargli la possibilità di spendere 50.000.000,00 che ha a disposizione sul conto del Comune, con i quali potrebbe fare tantissime iniziative per il suo territorio, in primis una miglior messa in sicurezza degli edifici, e di Marco della Pietra, Sindaco di Spresiano, un piccolo comune del Trevigiano che moltissima beneficenza fece per le popolazioni colpite dal sisma alle quali donò anche alcune casette provvisorie.

Tantissime le telefonate arrivate in diretta da cittadini che hanno vissuto il sisma nei paesi limitrofi ad Amatrice, come Accumuli, Fonte del Campo, Arquata del Tronto, Capodacqua ed altri, e tutti concordavano nel dire che le tante parole non sono mai diventate fatti e che tutti questi paesi a quasi 4 anni di distanza sono praticamente disabitati.

Da studio Umberto Pagoni, amatriciano, ci ha parlato delle tante iniziative che ha organizzato fin da subito per i suoi concittadini con all’Associazione KO AL TERREMOTO e di cosa era in procinto di realizzare, non da ultima la 4° edizione della manifestazione pugilistica che purtroppo salterà a causa del coronavirus.

Quest’anno era previsto anche un ulteriore evento, legato al mondo del calcio, che avrebbe visto Sergio Pirozzi in qualità di allenatore, con l’ausilio dei tifosi di Roma e Lazio, ed un altro con i tifosi dell’Ascoli, entrambi rimandati a data da destinarsi.

Tra le tantissime associazione che ci hanno aiutato, conclude Sergio Pirozzi, e che tengo a ringraziare una per una, vedo che ci stanno seguendo i ragazzi di Magnitudo Italia, tanti giovani ragazzi con un grande cuore!

A fine puntata, tolti gli scarponi da Sindaco ed indossata la giacca, Sergio Pirozzi, nel salutare, si immedesima nel suo attuale ruolo da Consigliere Regionale del Lazio, invitando tutti a seguire in diretta straming sul sito ufficiale della Regione la seduta di domani, sulle ormai famose mascherine fantasma che la giunta Zingaretti, senza troppe garanzie, ha pensato bene di comprare da una società che fino a quel giorno commerciava lampadine a LED, ed alla quale ha pensato bene di mandare un primo acconto di ben 11 milioni di euro di soldi pubblici senza mai ricevere, ovviamente, la merce ordinata, lasciando la popolazione senza quei dispositivi sanitari che tante vite avrebbero potuto salvare…

Valerio Scambelluri

segui Valerio Scambelluri – Informazione ed intrattenimento a 360 gradi per le prossime interviste

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here