“Se si ferma davvero, la partita non si ferma”: Djokovic polemizza con l'arbitro mentre Nardi gioca un trucco fisico (VIDEO) – Sport

Novak Djokovic ha presentato con insistenza la sua visione della giustizia in un dibattito con il Presidente della Corte Suprema, ma invano.

Nel secondo set il tennista italiano Luca Nardi ha reagito perdendo nella stessa misura il servizio con preferenza assoluta, riducendolo a 2:1.

Cosa è successo al miglior tennista del mondo che ha convinto per pochi minuti l'arbitro della correttezza della sua opinione su un punto controverso?

Djokovic ha servito il break dell'avversario, ha rimandato il tiro in rete e ha gestito davvero quelle situazioni quando ha fermato il gioco dopo essere stato servito.

L'asso serbo, però, ha segnato sul campo avversario come aveva previsto, ma anche Nardi ha giocato come desiderava.

Poi Djokovic gli ha mandato una bella palla corta che sembrava come se l'italiano fosse sul piatto per segnare la partita, ma il lavoro di Nardi è stato facilitato quando il suo rivale si è fermato, già con gli occhi puntati sull'arbitro e pronto al dibattito.

Il cinque volte vincitore a Indian Wells si è rivelato un errore e il trucco fisico di Nardi lo ha eliminato dalla zona punti. Ha mancato la traccia.

“In realtà si è fermato”, ha detto Djokovic mentre cercava di spiegare all'arbitro perché era stato fermato durante la partita.

“Se si ferma, il gioco non si fermerà” è l'argomentazione corretta dell'arbitro.

Ciò non ha influenzato in modo decisivo l'ulteriore sviluppo degli eventi in campo, ma Nardi ha comunque superato la volontà assoluta e ha fatto scalpore.

Seguici sul nostro Facebook Instagram Pagina, ma altro ancora Twitter ordine sottoscrivi Versione PDF del quotidiano Thanas.

READ  Vučić ha già "introdotto" il servizio militare - ora ha solo un mandato - nella società

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *