Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

“Scusate se sono una bestia, ma questa bella ragazza milanese, di preciso, cosa faceva in Africa?
Come aiutava concretamente i bambini africani?
Faceva il medico? Il chirurgo? Scavava pozzi? È ingegnere e aiutava nella realizzazione di infrastrutture?

O era una figlia di papà che stava lì per farsi selfie con i bambini africani? Mi auguro di no, perché avrebbe voluto dire che il capriccio di una ragazzina è costato 4 milioni di euro che forse sarebbe stato meglio destinarli per aiutare concretamente la popolazione di quei posti.

Sono una bestia, lo so. Ma a me ‘sto perbenismo forzato in cui i buoni sono i belli di facciata, mi ha francamente rotto il cazzo.

Si è convertita all’Islam, bene, sono felice per lei ma l’ultima volta che era andata a messa quando era stato? Era cattolica praticante prima?
Se così non fosse, allora, più che conversione, diciamo che ha trovato una fede che le mancava.

La conversione all’Islam rende la sua storia una favola dai contorni da mille e una notte.
I radical-chic fricchettoni di sinistra odiano i bigotti cattolici che vanno in chiesa e pregano ma strizzano l’occhio all’Islam in quanto religione esotica, poi ‘sticazzi se ammazzano gli omosessuali o segregano le donne. Non sono tutti così ovviamente, non me lo dovete dire voi, il Corano l’ho letto. Un simpatico libro in rima.

Quante ragazze italiane sono in Africa o in altri paesi in questo momento, papabili win for life (grazie a questa operazione di intelligence) per terroristi in cerca di milioni

Quanti AK-47 o mine ci compreranno ora con 4 milioni?
Quanti bambini mutileranno con tutti quei soldi?

Sono una bestia, sono sicuramente peggio di voi, ma d’altronde nella scala di valori dell’umanità ci sarà pure una classifica, io gioco a traversone.
Voi appuntatevi le medaglie.”

Questo era un mio post, oscurato da Facebook, social network per eccellenza allineato al pensiero unico. Per questo motivo ho deciso di metterlo qui, “protetto” dalla censura nell’oasi di libertà che ci siamo costruiti per poter esprimere il nostro pensiero.

 

Attenzione, non è stato segnalato o bloccato, perché evidentemente, motivazioni valide per bloccarlo non ce ne erano, è stato solo segnalato manualmente, ovvero nessuno, tranne il sottoscritto può leggerlo, forse perché era stato già condiviso da più di 50 persone e dunque ritenuto “pericoloso” ai fini del pensiero unico del “volemose bene”.

Leonardo Orsi

LEGGI ANCHE: ALESSANDRO MELUZZI “SIAMO COSTRETTI A CANTARE IL PEANA PER SILVIA ROMANO”

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

 

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here