Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Mercoledì 20 Marzo 2019, si è svolta la centesima seduta pubblica nel Senato della Repubblica. Durante la conferenza, la relazione della Giunta delle elezioni e delle Immunità Parlamentari ha chiesto l’autorizzazione a procedere in giudizio ai sensi dell’articolo 96 della Costituzione nei confronti del Ministro dell’interno Matteo Salvini per il reato di sequestro di persona aggravato.

A metà della seduta, il ministro, evidentemente commosso, ha messo per iscritto le sue intenzioni, giustificandosi così: “perché quando si mette in dubbio che col mio lavoro io abbia fatto privatamente, abusando della mia carica, qualcosa che ho fatto, faccio e farò per difendere la sicurezza dei miei e dei vostri figli, perdonatemi un po’ di emozione!”. Salvini ha continuato, chiedendo di non essere giudicato motivazioni politiche dalla Magistratura sul caso “Diciotti”, avvenuto durante l’estate 2018. Nel suo discorso il punto rilevante è sicuramente stato la sua motivazione politica a non far scendere a terra migranti, salvati dalla nave militare italiana. Il risultato (previsto da tutta l’opinione pubblica) ha approvato, con 237 voti favorevoli e 61 contrari, la negazione all’autorizzazione al processo.

All’interno dei voti favorevoli troviamo il Movimento 5 stelle. Questo, poche settimane addietro, con la piattaforma Rousseau avevano scelto di negare l’autorizzazione a procedere sul caso. Questi hanno riscontrato un disguido all’interno dei loro parlamentari. Infatti, 7 senatori sono stati assenti alla seduta e i senatori La Mura, Fattori e Nugnes hanno votato a favore all’entrata in giudizio di Salvini. Non sono ancora ben chiare le conseguenze che spetteranno a questi. Infatti, si sta discutendo nel Movimento se loro saranno espulsi o rimarranno nel partito. La questione è viva perché in ballo ci sono sia posti in parlamento e, allo stesso tempo, le famose regole di comportamento.

L’unica cosa certa è che al ministro degli interni è stato rimandato a giudizio a fine legislatura grazie al voto della grande maggioranza in Senato.

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here