comune di salò
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Nel comune di Salò non passa la mozione, votare a favore della richiesta sono stati soltanto i tre esponenti firmatari. La replica della maggioranza: “La storia non si cancella”

Benito Mussolini continuerà a essere cittadino onorario di Salò.

Cosi ha deciso il Comune, l’onorificenza, che gli fu attribuita nel 1924, resterà in vigore, come ha deciso a maggioranza il Consiglio comunale del piccolo centro nel Bresciano riunitosi in un municipio blindato dalle forze dell’ordine.

Non è infatti passata la mozione che chiedeva di revocare il titolo al Duce, presentata dai consiglieri del gruppo Salò futura.

Maggioranza: “Mozione strumentale e anacronistica” – I tre esponenti del gruppo sono stati gli unici a votare a favore della richiesta, giudicata dal resto dell’assemblea “strumentale e anacronistica”.

I 12 consiglieri della maggioranza, che appoggia il sindaco Giampiero Cipani, hanno infatti votato in modo compatto, respingendo la mozione con 14 no e tre sì.

Contro la revoca,  si sono espressi i 12 consiglieri della maggioranza della lista “Progetto Salò”, guidata dal sindaco, e le due esponenti del gruppo di minoranza “Insieme per Salò”, Marina Bonetti e l’europarlamentare della Lega Stefania Zambelli.

“La storia non si cancella”  I consiglieri di “Progetto Salò” hanno spiegato su Facebook che la revoca non è possibile per questioni tecniche (“Qualsivoglia onorificenza pubblica non può essere revocata post-mortem”) e che la revoca

“serve solo a rimestare sentimenti di odio e rivalsa nociva alla pacifica convivenza civile della nostra comunità.

L’unico modo per debellare l’ideologia sbagliata del fascismo e dimostrare con i fatti che la nostra idea di Stato, liberale e democratico, è quella giusta.

Per farlo bisogna lavorare seriamente, ascoltare pazientemente anche chi non la pensa come noi e convincerlo con le opere e l’esempio della bontà delle nostre idee. Mortificare l’avversario vinto, inferire su di lui non lo elimina, ma lo rigenera.

Se la cittadinanza venisse revocata ora, 90 anni dopo, non avrebbe senso e rischierebbe di fare dimenticare gli errori del Ventennio fascista. La storia invece è memoria e non può essere cancellata“. Questo è quanto hanno espresso nel consiglio comunale.

(ex mir)

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here