MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Fallito ieri a Roma un tentativo di furto in un negozio di casalinghi da parte di tre donne, ma il fallimento del colpo è costato loro, letteralmente, un caro prezzo. Infatti, per due delle tre ladre, arrestate dai Carabinieri della stazione Roma Centocelle con l’accusa di tentato furto aggravato, il Tribunale di Roma ha disposto la sospensione del reddito di cittadinanza.

Le tre complici, una 50enne e due sorelle di 43 e 39 anni, tutte romane e residenti nello stesso condominio nel quartiere Alessandrino, già note alle forze dell’ordine, lo scorso pomeriggio erano entrate in un negozio di casalinghi in via Casilina, zona Centocelle, dove, dopo essersi divise e aver raggiunto diversi reparti, avevano iniziato a prelevare la merce dagli espositori per poi privarli delle placche antitaccheggio, forzandole.

I loro movimenti sospetti, però, non erano sfuggiti al personale addetto alla sicurezza che ha allertato i Carabinieri. Intervenuti immediatamente, i militari hanno bloccato le ladre e recuperato tutta la refurtiva, del valore di diverse centinaia di euro. Al termine del rito direttissimo che si è tenuto questa mattina presso le aule del Tribunale di Roma in piazzale Clodio, l’Autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto delle complici e ha disposto la sospensione dell’erogazione del reddito di cittadinanza per due delle tre donne. In particolare, per la 50enne è stata disposta la sospensione dell’erogazione del reddito che già percepiva e per la 43enne il rigetto della richiesta presentata per ottenerlo.

NON È LA RADIO SCENDE IN CAMPO CON LA CITTÀ DI FIUGGI PER SERENA E IL SUO URGENTE INTERVENTO. AIUTACI A DONARE!

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here