rom

La manifestazione si è svolta a Torre Maura, nella periferia est della capitale. Nel primo pomeriggio un gruppo di cittadini si è riunito davanti la struttura di accoglienza destinata a un gruppo Rom di 70 persone (33 bambini e 22 donne).
Numerosi i militanti di Casa Pound che hanno fomentato la rivolta in prima linea.

Il gruppo di persone si è presentato davanti all’insegiamento in via Toraldo mentre le forze dell’ordine svolgevano le operazioni di trasferimento, posizionando un blocco stradale.
La manifestazione è sfociata nella violenza. I cittadini hanno appiccato il fuoco a dei cassonetti per i rifiuti e hanno rovesciato a terra i panini distribuiti dall’assistenza, per poi calpestarli.

L’amministrazione ha replicato che da oggi, “la Sala operativa sociale del Campidoglio inizierà a svuotare il centro”, come spiega Romanella, il presidente del VI municipio.

In precedenza, la struttura accoglieva ragazzi immigrati che, sentendo gli abitanti del quartiere, “non davano fastidio a nessuno ed erano gentili con tutti”.
Con un’ opinione più aggressiva Forza Nuova annuncia un presidio permanente «dalle 19 di mercoledì fino a quando l’ultimo rom non sarà andato via».

Federica Fiordalice

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here