MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Intervenuto ai microfoni di Non è la Radio, il radiocronista Rai, Riccardo Cucchi, ha ricordato Diego Armando Maradona

Tu hai raccontato le gesta di Maradona…

Ne ho vissuto tante, sono stato fortunato, ho vissuto un epoca in cui in Italia c’erano tanti campioni, ho avuto il piacere di conoscere Diego Armando Maradona, un’intervista realizzata in Svizzera per ricordare il Maradona che aveva vinto il mondiale con l’Argentina, mi aveva chiesto di non trattenerlo più di 3 minuti, invece rimanemmo 45 minuti minuti al bar per un caffè.

Io non riuscivo a distogliere lo sguardo dal suo piede, lui mi chiese come mai lo stavo fissando e gli risposi che stavo cercando di capire quale segreto nascondesse.

C’è una partita nella quale sei rimasto strabiliato da un gesto di Maradona?

Napoli-Juventus, quella famosa punizione a due, un gol straordinario, al microfono c’era Enrico Ameri ma io ero accanto a lui, ebbi la fortuna di vedere quella parabola incredibile, Maradona trasformava l’impossibile in possibile.

Sembrava tutto facile per lui

Sembrava che, in realtà non lo era affatto, non aveva doti fisiche o atletiche adatte, tendeva a ingrassare, si allenava poco ma quando aveva il pallone tra i piedi la partita si illuminava

Talmente romantico da essere morto nel giorno in cui sono morti Fidel Castro e George Best

Una circostanza che ci porta a due riflessioni, la prima è che Maradona era amico di Fidel Castro e poi il paragone con Best che mette insieme la grandezza del calciatore e la fragilità dell’uomo, ma quando erano in campo erano degli Dei del pallone, Maradona era un Dio in campo

Nessuno avrebbe accomunato la morte di George Best e Fidel Castro fossero morti nello stesso giorno, ci è riuscito Maradona

E’ la forza del calcio, che è quella di riuscire a renderci tutti uguali, di fronte a un applauso che sprigiona un gesto come faceva Maradona siamo tutti uguali

Un pensiero sulla Lazio?

E’ una bella Lazio, Ciro Immobile è straordinario, Correa è imprendibile e poi Acerbi in questo momento è il difensore più forte d’Italia

Grazie per essere intervenuto nella trasmissione che inizia alle 18.04

Grazie a voi anche se mi auguro in futuro di ricordare un altro orario…

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here