Regione Lazio: Eletti in Municipi e Comuni, poi assunti al Consiglio Regionale

Assunti al Consiglio regionale dagli "organi politici" i fedelissimi di Pd, 5 Stelle, Lega, Liberi e Uguali e Idv, già eletti nei Comuni di Roma e del Lazio

La prassi è la stessa da anni. Infatti, la legge 267 del 2000, permette di giustificare eventuali assenze come “permessi istituzionali”. Tradottuzione: puoi non andare a lavoro se sei eletto in un consiglio Municipale o Comunale. Se il datore di lavoro è un privato, sarà lui a controllare le tue “assenze”, ma se a darti un lavoro è stata la Regione Lazio, per motivi “politici” chi ti controllerà? Ma soprattutto, potranno essere imparziali nei confronti di decisioni scomode per il loro territorio prese a Via della Pisana?

Negli ultimi anni poi c’è stata un’impennata di assunti in Regione Lazio con incarici politici nei rispettivi partiti o elettivi in municipi di Roma e Comuni. Se ne è accordo il CODACONS che ha fatto un esposto per indagare sull’efficacia delle nomine di questi “furbetti” della Pisana.

Affari Italiani e Fatto Quotidiano hanno compilato un primo elenco.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here