MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Virginia Raggi assolta: «Facile salire sul carro dei vincitori oggi. Molti devono riflettere, anche nel M5s» La sindaca di Roma uscendo dal tribunale dopo la sentenza della Corte d’appello della Capitale per l’inchiesta sulle nomine.

“Questa è una mia vittoria e del mio staff, delle persone che mi sono state a fianco in questi quattro lunghi anni di solitudine politica ma non umana” ha detto ieri appena uscita dal Tribunale, non risparmiando la bordata a chi fuori e dentro al Campidoglio non l’ha mai difesa, anzi. “Credo che debbano riflettere in tanti, anche e soprattutto all’interno del MoVimento 5 Stelle”. Poi ancora: “Ora è troppo facile voler provare a salire sul carro del vincitore con parole di circostanza dopo anni di silenzio. Chi ha la coscienza a posto non si offenderà per queste parole ma tanti altri almeno oggi abbiamo la decenza di tacere. Se vogliono dire o fare qualcosa realmente, facciano arrivare risorse e gli strumenti per utilizzarle ai romani e alla mia città. C’è una legge di bilancio per dimostrare con i fatti di voler fare politica. Il resto sono chiacchiere”. 

Una frecciata dai toni pesanti tutta diretta ai malpancisti, ai “ribelli” che non hanno mandato giù la sua auto candidatura a sindaca bis per il 2021, contestandole anche il mancato confronto con i territori e con la base di attivisti ormai ridotta all’osso. Ma anche agli assessori della sua giunta che ieri in aula non si sono fatti vedere. Con alcuni di loro, in primis Luca Bergamo, il vice con delega alla Cultura, il rapporto non è dei migliori e tra candidatura e sgombero del cinema Palazzo non sono certo migliorati negli ultimi mesi. Corre voce che la sindaca stia pensando a un rimpasto, a qualche cambio di poltrona per poi concentrarsi sui mesi intensi di campagna elettorale che la attendono.

Poi ci sono i parlamentari che hanno mostrato più di una riserva sulla sua candidatura, quelli che, vedi il capo politico Vito Crimi, alla domanda sul futuro della sindaca nel Movimento in caso di condanna non aveva certo preso le sue parti – “vedremo la sentenza” – salvo poi congratularsi e applaudire per la vittoria. O chi come Luigi Di Maio ha sempre fatto intendere, tra le righe, di essere più intenzionato a sostenere un candidato che andasse bene anche al Pd.

Con Raggi rincara la dose anche Alessandro Di Battista, approfittando per puntare il dito anche lui sulla fronda dei grillini anti Raggi. “Virginia è stata assolta. Ancora una volta assolta. Adesso iniziate a rispettarla” ha detto poco dopo la sentenza dei giudici. “Per quattro anni è stata diffamata, dileggiata, calunniata. E’ stata colpita dal sistema politico e mediatico per non aver avallato le olimpiadi di Malagò, Montezemolo e Caltagirone e dal fuoco amico partito da chi non sarà mai alla sua altezza ma non vuole accettarlo. Coraggio Virginia, come ti ho sempre detto, ‘a testa alta’. Sono fiero di esserti amico, di averti difeso, di averti come sindaca e non vedo l’ora di sostenerti, ancora una volta, come candidata al Campidoglio”. Già, sentenza alla mano e salvo sorprese, il progetto candidatura di Virginia Raggi resta in piedi.

NON È LA RADIO SCENDE IN CAMPO CON LA CITTÀ DI FIUGGI PER SERENA E IL SUO URGENTE INTERVENTO. AIUTACI A DONARE!

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here