Radoičić avrebbe preso a pugni l'ex sindaco di Mitrovica

In un video diffuso dalla Radiotelevisione del Kosovo, si vede Milan Radojic prendere a pugni Aleksandar Sprik, l'ex capo dell'organo provvisorio del Comune di Kosovska Mitrovica.

Come dice RTKL'incidente è avvenuto qualche tempo fa all'Hotel “GRAY” di Copayonic.

Aleksandar Spirik è stato sindaco di Kosovska Mitrovica fino all'ottobre 2023, quando è stato rimosso dall'incarico.

La Radio-Televisione Kosovo dice di aver provato a contattare Spiric, ma senza successo. Come hanno detto, hanno contattato anche la polizia del Kosovo per sapere se Spiric ha agito contro Milan Radoicic.

Secondo Vetan Eljani, vicedirettore della polizia del Kosovo, Sprig non ha sporto denuncia, scrive RTK.

Ricordiamo che il 24 settembre nel villaggio di Banjska è stato ucciso un poliziotto del Kosovo, dopo di che l'operazione delle unità speciali della polizia del Kosovo ha preso di mira un gruppo armato che ha poi cercato di rifugiarsi nel monastero di Banjska. Nell'operazione sono stati uccisi tre serbi del nord del Kosovo.

Milan Radojic, ex vicepresidente della lista serba, si è assunto la responsabilità degli avvenimenti di Banjska.

“Informo l'opinione pubblica che il 24 settembre, insieme ai miei compagni, sono arrivato nella regione di Banjska a nord del Kosovo e Metohija”, ha dichiarato Radojic.

Come ha detto, il motivo del suo ritorno in Kosovo era “incoraggiare l'opposizione popolare al regime di Aljbin Kurdi”.

Radoičić nella sua dichiarazione ha dichiarato di non aver ricevuto alcun aiuto dalle autorità di Belgrado, né di aver informato le sue intenzioni perché in qualche modo queste erano già divergenti.

READ  Il Motorola Edge 50 Pro arriverà presto in Europa, ma sembra che il prezzo sarà significativamente più alto che in India.

Radoičić è stato detenuto per 48 ore il 3 ottobre dello scorso anno, dopo che gli agenti della direzione della polizia criminale avevano perquisito il suo appartamento e altri locali. Successivamente è stato portato alla Procura di Belgrado con una denuncia penale.

Secondo l'ordine delle indagini, Radojic è accusato dell'acquisto di armi, munizioni ed esplosivi dalla Federazione di Tuzla, Bosnia ed Erzegovina, che gli sono state fornite nel territorio della città di Belgrado dal gennaio 2023 al 24 settembre. , per lo più attraverso il tratto Bubanj Potok – Vrčin, poi li trasportò e immagazzinò in luoghi non specificati nel territorio del Kosovo e Metohija AP, dove li nascose in edifici e foreste abbandonati, tanto che un capogruppo con molte persone sconosciute, attraverso collettivi Un'azione e un'azione generalmente pericolosa il 24 settembre ha messo in pericolo la vita delle persone nella città di Banjska nel territorio dell'AP KIM.

Nel mese di ottobre è stata adottata la risoluzione del Parlamento europeo sulle relazioni tra Serbia e Kosovo e sugli avvenimenti nel villaggio di Banjska, nella quale si condanna fermamente l'attacco a Banjska.

Dopo essersi assunto la responsabilità dell'attacco armato a Banjska, Radoičić ha ripudiato la sua società INKOP e tutti i soggetti ad essa collegati, lasciando l'intera attività ai soci Žarko e Zvonko Veselinović senza compenso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *