melchiorri resposnsabile FIN
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Oggi il campionato di A1 maschile è in pausa, ciò non toglie che si possa continuare a scrivere e leggere di Pallanuoto.

Riprendendo un articolo scritto da Fabrizio Napoli su wpdworld.com, leggiamo cosa ci illustra Giovanni Melchiorri, responsabile scientifico del settore pallanuoto della Federnuoto ( FIN ) nonché docente al corso di laurea in Scienze Motorie all’Università Tor Vergata di Roma.

Professor Melchiorri, la pallanuoto fa bene ai bambini? 

Come tutti gli sport, fa bene alla salute dei bambini, ed è sciocco entrare in polemica su quale sia lo sport migliore per i più piccoli. Da innamorato di pallanuoto, naturalmente, dico che la waterpolo fa benissimo: ha degli effetti positivi e magari alla lunga dà al fisico degli adattamenti molto specifici. La pallanuoto ci prepara al meglio per la resistenza, per gli aspetti coordinativi e alla conoscenza dell’habitat acquatico, magari meno bene per la parte a secco. È uno sport di squadra che richiede un allenamento spesso intenso e costante e proprio nella costanza risiede un aspetto educativo estremamente positivo. Già a 13-15 anni i ragazzi che praticano pallanuoto hanno una costanza che è propria solo di chi pratica alcuni sport: basti pensare ai 4-5 allenamenti a settimana che di solito tengono. Tutto ciò è molto educativo, lo dico anche da papà di due ragazzi di 11 e 16 anni, un maschio e una femmina, che giocano entrambi a pallanuoto.

Quali sono i muscoli che ne beneficiano maggiormente?

La pallanuoto coinvolge masse muscolari grandissime, di fatto allena tutta la muscolatura del corpo, con un coinvolgimento maggiore del tronco e degli arti superiori, fattore che è tipico del nuoto. Vengono poi allenati abilità in acqua che sono molto complesse, come il ragionamento legato al gioco e il riconoscere da lontano gli spazi e i propri compagni, doti tipiche dei ragazzi che giocano a pallanuoto.

A quale età è consigliabile iniziare?

Secondo me quella che indica la Federazione e voi della Waterpolo Development con l’HaBaWaBa va bene. Fino a 9 anni i bambini devono fare più esperienza motoria possibile e poi cominciare la pallanuoto. Poi l’allenamento si svolge prevalentemente in ambiente acquatico, ma va completato in ambiente gravitario, a secco. C’è poi un problema legato all’orario dell’allenamento. 

Lo spieghi meglio.  

Pur conoscendo le difficoltà delle società riguardo agli spazi acqua, per un ragazzo non è il massimo allenarsi dalle 8 alle 10 di sera: un orario del genere lo mette in condizione di sofferenza, aggiunge fatica alla fatica derivante dallo studio e dagli impegni quotidiani. Se vogliamo fare uno sforzo, bisogna trovare degli orari migliori. Ed è anche meglio evitare che un ragazzo giochi 2-3 campionati, perché più bravo degli altri. Non è scritto da nessuna parte che migliorerà giocando così tanto.   

Quanto ai genitori, che consigli può dare?

genitori sono già molto collaborativi, perché si sacrificano nel portare i ragazzi in piscina. Suggerisco solo di prestare molto attenzione all’aspetto nutrizionale: questi ragazzi spesso si alzano presto, magari mangiano di fretta per venire in piscina e poi tornano tardi a casa, senza assumere abbastanza calorie e nutrienti. 

In linea di massima, i genitori a cosa devono badare?

Dovrebbero monitorare il peso del figlio, anche in funzione della crescita, e controllare che i ragazzi facciano 5 pasti al giorno e che in questi pasti ci siano sempre frutta e verdura. Se vedono che il peso tende a diminuire nonostante la crescita, allora devono rivolgersi al medico di famiglia, che saprà indirizzarli al meglio sul piano nutrizionale. Sintetizzando, dunque: controllo del peso e che il figlio abbia 5 pasti al giorno. 

Quali gli errori da non compiere? 

Padri e madri non devono trasferire al figlio le proprie aspettative. I ragazzi devono fare sport per passione e benessere, non è detto che poi passione e benessere li portino a divenire grandi atleti.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here