Primavalle Magnitudo Italia

Domenica 9 giugno è stato annunciato un corteo di cittadini contro la scuola occupata di Via Cardinal Capranica a Roma. Ad animarlo c’è l’associazione Magnitudo Italia.

I movimenti per il diritto all’abitare hanno convocato un contro presidio per le 12 in un’altra piazza limitrofa, Piazza Clemente XI. (assegnata in precedenza a Magnitudi Italia che poi ha deciso di spostarsi per evitare problemi di ordine pubblico alla Questura)

Sembrano cronache degli anni ’70 invece siamo a Roma, nel 2019, nel quartiere periferico -neanche troppo- di Primavalle, che proprio negli anni ’70 è stato teatro di scontri tra i militanti di estrema destra ed estrema sinistra.

Francesco Capasso, portavoce del Movimento Magnitudo Italia, però, invita “alla calma ed al dialogo anchecon chi la pensa diversamente da noi, sappiamo che l’emergenza abitativa non è colpa di occupa gli stabili abusivamente ma non si possono tollerare situazioni illegali. Vanno costruiti nuovi alloggi, ma nel frattempo tutelati e difesi anche i cittadinie prosegue “ci accusano di fare parte di altre organizzazioni politiche o di fascismo, ma non è vero. Abbiamo solo l’interesse di tutelare i nostri quartieri”

Ascolta l’audio dell’intervista integrale:

La Scuola di Via Cardinal Capranica:

La scuola occupata nel 2001, è stata sgomberata già nel 2013, ma l’operazione non ha avuto successo.

Al suo interno 78 famiglie e circa 80 minori in maggioranza stranieri,  “ma anche Italiane” – sottolinea Francesco Capasso – ed aggiunge – “Il razzismo non c’entra nulla, non siamo razzisti, è una questione di rispetto delle regole e legalità, invito alla patecipazione tutti i cittadini che sono esasperati da questa situazione di degrado, costantemente vessti da furti e microcriminalità”

L’Associazione Magnitudo:

“La nostra associazione è di Destra, non lo neghiamo. Vogliamo riportare però tra le persone dei quartieri dei municipi e della città dei valori di solidarietà e ricstruire una società che si è disgregata a causa della Globalizzazione. Organizziamo anche delle raccolte alimentare nei quartieri più ricchi per aiutare le persone più in difficoltà che sono in Periferia, un’ attività che è molto formativa sia per noi, che siamo tutti ragazzi, sia per le persone che incontriamo. C’è un mondo di cui nessuno parla che è sempre più insofferenza. Noi raccogliamo queste istanze e le rappresentiamo alle Istituzioni” conclude Francesco Capasso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here