mafia capitale

Con l’avvocato Ippolita Naso,legale di Carminati-Brugia-Testa,  abbiamo provato a ricostruire al vita criminale di Massimo Crminati. Assolto da processi “cult” della storia italiana come l’omicidio Pecorelli o la strage di Bologna, ma non dal furto nel caveau di Piazzale Clodio e da “Mafia Capitale”.

La Giustizia ha provato a dare una sentenza pedagogica sulla tesi che il “Crimine non paga”?

Quali erano i precedenti di Massimo Carminati, prima della condanna per il processo “Mafia Capitale”? Era veramente uno dei quattro re criminali di Roma?

Il furto nel Caveau fù organizzato da Carminati oppure ha avuto solo un ruolo operativo all’interno di un piano ordinto dai Carabinieri di Piazzale Clodio?

Perchè il Maggiore dei ROS Claudio de Lellis, chiamato a testimoniare durante il processo, ha escluso si trattasse di Mafia?

Cosa centrano i processi Finmeccanica, Breda Menarini, Arc trade, gli appalti tra Enav e Selex e, soprattutto, l’indagine Digint srl (un troncone delle “frodi carosello” Telecom Sparkle/Fastweb) con Massimo Carminati?

La Mafia Romana è una “Mafia fatta di carta e parole” o ci sono dei fondamenti ed infiltrazioni ancora da sgominare in città?

 

 

 

[PODCAST] Puntata precedente:

[PODCAST] Settima Puntata “Non è Mafia Capitale” : Claudio Cardarelli e i rapporti con i servizi sociali della 29 Giugno

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here