Quali sono le strategie della Lega dopo il passo falso di Agosto? Matteo Salvini riuscirà a mantenere il  il consenso conquistato grazie ai pochi mesi di governo? Cosa pensa la Lega del voto ai sedicenni? Come vanno le cose nella Regione lazio?

Lo abbiamo chiesto ad Emanuele Rocchi, Consigliere Comunale della Lega di Subiaco

Ascolta il PODCAST:

La Lega prende più consensi nei piccoli centri come Subiaco che nelle grandi città,come mai?

Devo contraddirti Le Lega va fortissimo nei piccoli centri, ma anche nelle grandi città. I nostri consensi aumentano di giorno in giorno, perché siamo coerenti con quello che promettiamo in campagna elettorale.

Adesso elezioni 27 Umbria. Vincerle sarebbe una conferma per le scelte di Salvini di Agosto? 

Sarebbe una bellissima rivincita, nulla p scontato in politica ma dai sondaggi vedo che salvini sta trascinando tutto il centro destra alla vittoria. Noi siamo abituati a non guardarli i sondaggi. Stiamo in mezzo alla gente questi sono i nostri sondaggi, sentire il loro affetto ma anche le loro critiche ascoltarle e farne tesoro.

Ieri durante un iniziativa in umbria un figlio di un ex partigiano ha interrotto il comizio di Salvini per dichiarare che ha sempre votato a sinistra ed ora invece vota per la Lega. E’ capitato anche a te? 

Guarda nel mio caso specifico no, vedo molte persone però che non votavano più perché erano sfiduciati, la Lega sta recuperando consensi proprio dal popolo degli astensionisti. Lo scenario Politico di agosto è stato deleterio per la Politica generale. La parola va sempre rispettata, vedere PD e 5 Stelle che governano insieme è uno schiaffo alla coerenza. Capisco che in politica questa regola non vale sempre, ma abbiamo superato il limite. Io sono stato uno dei tantissimi a suggerire a Salvini si staccare la spina. La spinta è arrivata dal basso. Questo governo invece è il governo delle Banche dello Spread e dell’Europa. I 5 Stelle sembravano un movimento di rottura, nei fatti non è più così.

Sul voto ai sedicenni la Lega che ne pensa?

PD e 5 stelle credono che i sedicenni, oppure gli immigrati regolari, se gli diamo il diritti di voto,  voteranno tutti per loro. Non è assolutamente così. A Subiaco voterebbero tutti per la Lega. A 16 anni non hai tanti diritti, non puoi guidare, non puoi candidarti, dare solo il voto sarebbe demagogico. Gli immigrati devono prendere la cittadinanza solo dopo un percorso. Possiamo ragionare di eliminare della burocrazia per ottenerla ed aumentare i controlli, ma prima la leviamo anche per gli italiani, che hanno meno vantaggi quando devono accedere ai servizi comunali, come i nidi, le mense, lo scuolabus, le case…

Ed una legge sul fine vita?

L’argomento è delicato e va approfondito anche nelle scuole. Sono casi particolari, vanno valutati caso per caso. Io ancora non ho un idea ben precisa, sono situzioni nelle quali bisogna trovarcisi. Nella lega c’è dibattito e discussione su questi temi. Siamo un partito molto aperto su questi temi. 

Il segretario del PD e anche il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti si occupa abbastanza di subiaco?

L’amministrazione di Subiaco è un’ amministrazione a trazione PD Eppure non riusciamo ad essere ascoltati. Siamo abbandonati. L’attuale amministrazione ha fatto dei passi in avanti, perché ci siamo sforzati insieme di realizzare tantissime cose. Durigon sta guidando bene il radicamento della Lega in tutta la Regione Lazio. E’ una persone preparatissima. Con lui possiamo avere la possibilità di portare le istanze del territorio direttamente in Parlamento. Noi della Lega siamo diversi. Non vogliamo buttare a mare le cose buone fatte della Giunta Pelliccia (il nostro rivale) ma portarle ad un livello più alto. Faccio un esempio. Il turismo sta prendendo piede a subiaco, ma vanno realizzati dei servizi complementari che sono essenziali. L’obbiettivo dei politici deve essere battersi per i propri cittadini e non litigare continuamente. 

L’ altro uomo forte della Lega è Giorgietti, che ha dichiarato che la LEga potrebbe antrare anche nel PPE in Europa. Tu che ne pensi? 

Giorgetti sarebbe un ottimo Presidente della Repubblica. Io, però, non sono convintissimo che entrare nel PPE sia una scelta giusta. Il PPE dovrebbe cambiare parecchio, come dovrebbe cambiare l’Europa. Io rimarrei sempre vicino a Madame LePen. 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here