PM di Roma denuncia-shock
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab
PM di Roma denuncia-shock “Bambini che si prostituiscono tra i 10 e 13 anni”
La Pm Maria Monteleone rivela il costante e sconcertante aumento dei casi di adescamento di minori su Internet, di maltrattamenti e di violenze sui minori.

L’incremento di casi di prostituzione minorile e adescamento di minori tramite Internet, questa è la denuncia della PM di Roma Maria Monteleone.

E’ quanto emerge da una audizione davanti alla commissione parlamentare di inchiesta per l’infanzia e l’adolescenza. “A Roma nel 2019 abbiamo aperto 31 nuovi procedimenti penali”, le parole della PM, definendo la prostituzione minorile “uno dei reati più inquietanti che dobbiamo registrare”. Le vittime, ha spiegato, sono bambini e bambine tra i 10 e i 13 anni.

Il bilancio è imbarazzante e i numeri parlano chiaro, secondo la pm Monteleone, alla guida del pool di magistrati che si occupano dei reati contro la violenza di genere e contro i minori, “negli anni passati c’è stata un’impennata in questo ambito in seguito alla vicenda delle cosiddette baby squillo”.

Nello specifico, a Roma, negli ultimi anni, è stato registrato un “costante e significativo incremento dei reati che vedono come persone offese i minori di 18 anni, in particolare maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale”.

Nell’anno giudiziario 2019 sono stati 262 i nuovi procedimenti disciplinari aperti per il reato di pornografia minorile. Sono stati invece 117 i nuovi procedimenti penali per atti sessuali con minorenni ed è proprio questo il reato più frequente. La pm ha inoltre sottolineato il “costante aumento del delitto di adescamento dei minori commesso attraverso Internet”, solo lo scorso anno è stato registrato un incremento del 12,8% dei procedimenti penali, passati da 117 a 132.

Dal 2013 nella Capitale esiste una squadra di pm dedita esclusivamente ai reati di pedopornografia. Esiste inoltre una speciale sala di ascolto riservata ai minori e che, ha spiegato ancora la Monteleone, dal 2015 al 2018 si è occupata di 903 minorenni, di cui 570 bambine, per episodi di maltrattamenti in famiglia e di violenza sessuale nel suo significato più esteso.

(ex mir)

Leggi anche assordo gioco tra i giovani  “Skullbreaker challenge”,

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUICI SU FACEBOOK

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here