Più che una partita di calcio, Bulgaria-Inghilterra è stato un thriller in piena regola. Nella serata di lunedì, fuori dal Vasil Levski Stadium, è morto un tifoso inglese di 32 anni. Dentro, invece, ha preso il sopravvento il razzismo di parte dei tifosi bulgari nei confronti dei giocatori di colore della Nazionale inglese, Sterling in particolare. Riavvolgendo il nastro degli avvenimenti, non sono ancora chiare le dinamiche della morte del tifoso inglese a Sofia. Pochissime, al momento, le cose chiare: il 32enne è stato ritrovato in uno dei parchi della città, a Borisova Gradina, in stato di semi-incoscienza intorno alle 22. È stato trasportato all’ospedale, dove – da quanto trapela – sembra sia diventato violento nei confronti dello staff medico (ancora da appurare se il suo stato psicofisico sia stato alterato dall’assunzione di alcol e droghe). È così intervenuta la polizia, ma il decesso del tifoso è avvenuta nel tragitto tra l’ospedale e il commissariato di polizia e sono ancora troppi i lati oscuri. In primis, proprio le cause della morte del 32enne.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here