Charlie Graham
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

È la quinta volta che la 20enne Charlie Graham è vittima di attacchi omofobi. L’ultima aggressione è avvenuta sabato 11 gennaio a Sunderland, città nell’Inghilterra nord-orientale, quando due teppisti l’hanno attaccata alle spalle, procurandole ferite al volto e alle ginocchia. In quest’occasione, però, la ragazza ha deciso di ribellarsi e ha pubblicato su Facebook le foto del suo volto insanguinato nel tentativo di rintracciare gli aggressori.

LEGGI ANCHE: LO STATO ITALIANO NON CONOSCE I DATI DEI BAMBINI IN AFFIDO

Intervistata dal «Daily Star» Charlie ha raccontato di essere stata colpita alla nuca e di essere caduta a terra: «Sono stata colpita da dietro con un pugno. Ho provato a rialzarmi, ma mi hanno spinto di nuovo e sono caduta a terra. Poi i due ragazzi sono scappati. Mi hanno lasciato sanguinante e spaventata». Da quando ha subito le prime violenze omofobe, la vita di Charlie è diventata un inferno: «Ho attacchi di panico e di ansia al solo pensiero che tornando a casa possano scoprire dove vivo e decidano di entrare. È molto importante per me che le foto siano condivise. Le persone devono sapere che c’è gente là fuori pronta ad attaccarti per qualunque motivo, che si tratti della tua sessualità, del colore della tua pelle, del come cammini o di come ti vesti».

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here