Pescato a salire sul treno dell’alta velocità senza biglietto, un cittadino della Guinea di 20 anni, si è scagliato contro gli agenti della polizia ferroviaria della stazione di Roma Termini. Il giovane è stato arrestato ieri per i reati di resistenza, lesioni e possesso di oggetti atti ad offendere. Lo straniero, infatti aveva con sè, nella tasca interna del suo giubbotto un coltello di 23 centimetri che, nella colluttazione con gli agenti ha tentato di prendere, prima di essere bloccato dai poliziotti. Il 20enne, dopo essersi introdotto a bordo di un treno Italo Ntv sprovvisto del regolare titolo di viaggio, era stato invitato a scendere dal convoglio dagli agenti intervenuti, ma si è scagliato contro i poliziotti, sferrando calci e pugni nei loro confronti.

Durante la fase concitata degli eventi, il giovane, divincolatosi con particolare violenza e aggressività, veniva contenuto con non poca difficoltà dagli agenti e bloccato dopo che, più volte, aveva cercato di afferrare qualcosa dall’interno del proprio giubbotto. Solo una volta condotto alla calma, gli agenti hanno ritrovato all’interno del capo d’abbigliamento il coltello. Nel corso della colluttazione due operatori di Polizia sono rimasti feriti e curati presso l’ospedale San Giovanni Addolorata hanno avuto rispettivamente 5 e 7 giorni di prognosi. Il cittadino straniero è stato condotto presso il tribunale di Roma e, a seguito del rito diretto, è stato condannato a 9 mesi di custodia cautelare in carcere ed immediatamente tradotto presso Rebibbia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here