MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

A gennaio del 2014, il Planetario di Roma e tutto il Museo della Civiltà Romana, sono stati chiusi dopo un’ispezione del Ministero del Lavoro che ha contestato la violazione delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro dei dipendenti.

A seguito del verbale, il Comune di Roma e la Sovrintendenza avrebbero dovuto adeguare gli impianti. Siamo a dicembre 2019 e la struttura è ancora chiusa.

Durante la puntata di ieri di Fatece caso, abbiamo avuto ospiti in studio Fulvia e Alfredo, due dei promotori dell’iniziativa #riapriamoilplanetario che ci hanno spiegato le “motivazioni” che hanno ricevuto dall’amministrazione capitolina a seguito delle loro numero richieste.

GUARDA L’INTERVISTA COMPLETA

LEGGI L’INTERVISTA

“Il planetario di Roma ha sempre avuto una storia un po’ travagliata, fin dal 1928, quando aprì per la prima volta a Piazza Esedra, con una tecnologia all’epoca all’avanguardia (uno Zeiss Jena 2), quando la Germania donò all’Italia, per parziale recupero dei danni della Prima Guerra Mondiale. 

Lo storico proiettore ottico Zeiss del Planetario di Roma

Da lì fu spostato più volte e riaprì a Roma nel 2004, fino al 2014 quando poi è stato chiuso a causa di lavori su tutta la struttura del Museo della Civiltà Romana che dovevano essere urgenti ma che ancora non sono terminati

Di chi è la competenza?

Innanzi tutto ci vorrebbe un po’ di buona volontà da parte di tutti ma in primis è responsabilità del Comune con la controllata Zètema, la struttura è della Eur SpA

 Che recentemente ha affittato il Palazzo della Civiltà del Lavoro a Fendi a 20 euro al metro quadrato… affittato come un box. Ma le opere sono ferme o lavorano a rilento?

Nel 2014 è stata indetta una gara dove sono stati fatti diversi ricorsi, poi è stata assegnata a una società che ha effettuato attività di manutenzione straordinaria necessaria da sempre, ora siamo in attesa di sapere i tempi del collaudo

Perchè è pronto?

Tecnicamente dovrebbe essere pronto, effettivamente i lavori sono terminati. Tant’è vero che a luglio di quest’anno è stato indetto un ulteriore bando di gara dell’importo di 190.000 euro circa per il noleggio della strumentazione che dovrebbe essere utilizzata all’interno del planetario. Solo che il bando di gara da agosto è bloccato.

Perchè dici stranamente?

Perchè non sappiamo il motivo per cui questi soldi sono bloccati

Ma la motivazione quale è stata?

In effetti non ci è stata data una risposta in merito a questa nostra richiesta, tant’è che abbiamo dovuto far intervenire l’Anac (l’autorità anticorruzione), visto che a noi non rispondono che rispondessero a chi di dovere. Visto che questi 190mila euro sono soldi pubblici fermi.

Certo l’Anac non potrà essere ignorato. Ma questa vostra passione per il planetario da dove nasce?

Noi ci siamo conosciuti nei vari incontri organizzati al planetario, corsi di astronomia, attività con i telescopi all’esterno, quando abbiamo visto che le cose andavano per le lunghe abbiamo deciso di smuovere un po’ le coscienze aprendo questa pagina.

Secondo voi è la politica o la burocrazia che blocca tutto? O i soldi?

Bella domanda, il problema è che non abbiamo una carta che può dirci la risposta esatta

Perchè spesso in altri settori questa Amministrazione si è trovata in conflitto con la burocrazia

Sicuramente è un’altra chiave di lettura

Oltre al planetario è da aprire tutto il Museo oltretutto?

La nostra sensazione è stata quella che proprio perchè è tutto chiuso vogliono spingere verso una riapertura congiunta, nonostante il Planetario sia già pronto

Ma adesso gli uscieri e tutti i dipendenti che stanno a fa’?

Questo non lo sappiamo, sarebbe carino saperlo, però gli astronomi al momento svolgono la loro divulgazione scientifica all’interno di una cupola gonfiabile all’interno del museo zoologico.

Gianluca Masi all’interno del Planetario all’ex Dogana

Ah svolgono la loro attività all’addiaccio, come gli artisti di strada… quindi i lavori sono terminati ma il Planetario è chiuso?

Sì, altrimenti non avrebbero indetto la gara per il noleggio della strumentazione

Quanto è grande l’area del planetario?

E’ piccola rispetto a tutto il museo, anche per questo motivo i tempi per il ripristino sono già terminati

E tutta l’attrezzatura che era nel planetario?

E’ ancora nel planetario, compreso lo Zeiss Jena del 1928

Con chi avete parlato con dell’amministrazione?

Con Bergamo che ora è Vice-Sindaco, il suo primo pensiero è sempre stato per il planetario ma ad oggi ancora non è riuscito a farlo riaprire.

Noi possiamo farvi da megafono e cercheremo un contatto con le amministrazioni per cercare di capire qual è il problema che tiene fermo il Planetario di Roma. Avete pensato a creare un ente giuridico con i professori e altri appassionati come voi?

Era un’altra delle nostre intenzioni che non abbiamo ancora perseguito, noi ci muoviamo con la passione, senza alcun altro interessa, anche se abbiamo provato a coinvolgere ma senza esito La Sapienza. Potrebbe essere un’idea da seguire.

La cupola gonfiabile

GUARDA LA PUNTATA COMPLETA

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here