Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab

L’Fbi sta indagando sulla morte di un afroamericano rimasto soffocato mentre un agente lo teneva fermo a terra durante l’arresto.

Anche questa volta a far scoppiare l’ennesimo caso di violenza della polizia contro gli afroamericani è un video che mostra l’agente del dipartimento di Minneapolis che tiene un ginocchio sul collo dell’uomo.

”Non riesco a respirare! Non riesco a respirare! Non uccidermi”, ha gridato l’uomo mentre molti passanti si sono fermati per riprendere la scena con i telefonini.

La polizia locale ha confermato che l’uomo, di cui non è stata data l’identità, di circa 40 anni è morto a seguito di quello che viene definito ”un incidente medico” dopo che la polizia ieri è intervenuta per una denuncia di truffa.

Ora le autorità del Minnesota e quelle federali hanno annunciato di aver avviato un’inchiesta di fronte alle proteste che arrivano dalla comunità afroamericana.

”La nostra comunità continua ad essere traumatizzata, una volta di più, esigiamo risposta”, ha detto la consigliera comunale Andrea Jenkins.

Secondo un portavoce della polizia, gli agenti intervenuti ieri sera hanno fermato l’uomo, apparentemente sotto l’influenza della droga, ha ”opposto resistenza all’arresto”. E che ”quando gli agenti sono riusciti a mettergli le manette si sono accorti che stava avendo un problema medico”, chiamando l’aumbulanza.

Alla scena però hanno assistito diversi testimoni, tra i quali Darnella Frazier che ha poi pubblicato sulla sua pagina Facebook: ”quando sono passata di lì, era già a terra, i poliziotti lo tenevano a terra dal collo e lui urlava, ma loro non lo ascoltavano”, ha scritto aggiungendo che la testa dell’uomo era così schiacciata per terra che gli usciva sangue dal naso.

Alcuni testimoni sono anche intervenuti chiedendo all’agente bianco di togliere il ginocchio dal collo dell’uomo: ”vuoi rimanere lì seduto con il ginocchio sul collo?”, si sente dire da qualcuno nel video.

E poi, quando l’uomo appare ormai immobile per terra, un altro chiede: ”l’avete ucciso?”. ”La polizia l’ha ucciso fratelli, lì di fronte a tutti – conclude Frazier – e lui gridava e gli diceva ‘non posso respirare’. L’hanno ucciso”. ADN Kronos

LEGGI ANCHE: PERCEPIVANO REDDITO DI CITTADINANZA E SPACCIAVANO EROINA

LEGGI ANCHE: GIANSANTI, PRIMO SEQUESTRO DELLA BANDA DELLA MAGLIANA

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here