Giovanni Caudo
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Non c’è pace per gli abitanti del Municipio Roma III.  Dopo la sfiducia in aula dell’ex Presidente 5 Stelle e le successive elezioni vinte da Giovanni Caudo e dal Centro-Sinistra,Gli abitanti rischiano nuovamente di recarsi alle urne a causa di un voto del PD “contro il Presidente” su una discussa delibera di assegnazione di alcuni spazi municipali siti in Via Revetta (Talenti) alla “Casa dei Diritti e ddelle Differenze di Genere”

Il Fatto:

Nell Aula del Parlamentino di Talenti, si discuteva una delibera, fortemente voluta da Giovanni Caudo ex assessore della Giunta Marino,  ed ora Presidente del Municipio Roma III, per assegnare degli spazi in via Revetta ad un progetto  sociale dedicato alle politiche di genere ed alla salute. Infatti lo stabile avrebbe dovuto ospitare anche alcuni servizi offerti dal consultorio della ASL Rm1, ed essere “la casa” di associazioni a sostegno delle donne, dei minori e dell’inclusione sociale. Fin qui niente di strano.

Il Partito Democratico, asse portante della maggioranza di Caudo, decide di presentare un emendamento, al punto 4) lettera d) del dispositivo:

“dopo le parole soggetti associativi aggiungere le parole o enti costituiti che presentino documentazione comprovante esperienza e competenze pluriennali nel settore di specie o negli ambiti delle c.f.scienze sociali”

L’emendamento passa con i Voti del PD e  della Lega, contrario il Presidente Caudo e un consigliere di Centro Democratico.

La Polemica:

A Dire la verità il testo del PD appare migliorativo della Delibera, poichè introduce dei criteri più restrittivi e quindi più affidabili per l’assegnazione degli spazi.

Caudo però non apprezza il tentativo del PD e rilascia della dichiarazioni al vetriolo contro i Democratici, colpevoli, secondo lui, di aver votato insieme alla Lega:

“A qualcuno del PD in consiglio municipale piace la Lega di noi con Salvini, pur di andare contro il Presidente. Succede qui nel terzo municipio, in questa città piena di problemi, in questa italia di oggi.  Ma come ha scritto qualcuno “ci vuole tanto coraggio e ottimismo, e in Terzo municipio a Roma ne abbiamo da vendere”.

Come da tradizione, sparare sul Partito Democratico anche quando non c’è bisogno, a sinistra sembra ormai lo sport preferito. Leggendo le carte, non sembra questa volta come nel caso dei Minibot alla camera, un errore del Partito, ma solamente un tentativo di migliorare un testo uscito dalla Giunta. Che anche la Lega abbia votato l’emendamento ci “azzecca” poco o niente.  

Il Processo in Piazza

Tutto finito? Macché! Non sarebbe abbastanza di  Sinistra concludere la polemica, “i panni sporchi” (anche se questa volta sembra una macchietta) non si lavano in famiglia, ma in Piazza. E Così il Presidentissimo Caudo, che vorrebbe correre a Sindaco e che forse essendo più tecnico che politico ha confuso la sua carica monocratica per un mandato in bianco (errore comune a molti presidenti di Municipio). Ed ha convocato, tramite la sua pagina Facebook, un assemblea in Piazza per esporre i suoi colleghi al pubblico ludibrio.  Appuntamento alle 19 a Piazza Sempione. Orario perfetto per l’Aperitivo.

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here