5 sapori
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Mentre i contagi del nuovo coronavirus nel mondo arrivano a quota 60 milioni, i leader dei Paesi europei si preparano alle prossime festività natalizie lavorando a una serie di misure che dovrebbero consentire di celebrare in famiglia, senza eccessivi assembramenti. L’obiettivo è quello di contenere una nuova esplosione dei contagi, cercando di mantenere “l’anima e lo spirito” della festa. In Italia si attendono le decisioni del governo. Ma il ministro della Sanità Speranza, pur ammettendo che le misure adottate cominciano a dare i loro primi effetti, ha ribadito la necessità di limitare il cenone di Natale agli affetti più stretti.

Ecco cosa stanno facendo gli altri principali Paesi europei:

Francia –  La riapertura dei negozi (al più tardi fino alle 21) e l’autorizzazione all’attività fisica entro un raggio di 20 chilometri sarà possibile dal 28 novembre nell’ambito di un alleggerimento del lockdown fino alla revoca completa che dovrebbe arrivare nel periodo compreso fra il 15 dicembre e il 20 gennaio. La fase 2, verso la revoca del lockdown, inizierà infatti il 15 dicembre “se saremo riusciti a raggiungere 5mila contagi al giorno”, ha annunciato il presidente Macron. Questo nuovo corso segnerà “la fine del lockdown”. Allora, ci si potrà muovere senza autorizzazione, anche tra regioni, per trascorrere il Natale con la famiglia. In ogni caso, bisognerà evitare il più possibile i viaggi non necessari e non ci sarà alcuna apertura di cinema, teatri, musei. Rimarranno chiusi anche parchi di divertimento, bar, ristoranti e discoteche. L’apertura di ristoranti e palestre è ipotizzabile a partire dal 20 gennaio. Al momento esclusa l’apertura delle stazioni sciistiche. “Mi sembra impossibile” riaprirle, ha detto Macron. Ma una decisione definitiva a questo proposito sarà presa nei prossimi giorni.

Germania – I leader di 16 Stati federali della Germania hanno raggiunto un accordo su una bozza di proposta che ambisce a frenare le celebrazioni di Natale e Capodanno nel Paese, in vista di un incontro cruciale su questo tema con la cancelliera tedesca Angela Merkel. La proposta include una limitazione ad un massimo di 10 persone per le celebrazioni di Natale e Capodanno, anche se i bambini fino ai 14 anni sono esclusi dal totale. Le misure sarebbero in vigore dal 23 dicembre al 1 gennaio. Vietati gli assembramenti in strada e i fuochi d’artificio nelle aree pubbliche a Capodanno per evitare che si formino grandi folle. “Il Natale e le altre festività di fine anno dovrebbero essere possibili come celebrazioni con la famiglia e gli amici anche in questo anno insolito, anche se su scala minore”, si legge nella bozza messa a punto dai responsabili degli Stati federali, che hanno convenuto anche sull’opportunità di estendere fino a dicembre gli aiuti alle imprese colpite dalle restrizioni introdotte a novembre. I tradizionali Weinachtsmärkte, i mercatini di Natale, sono stati cancellati e, salvo decisioni al momento improbabili, non avranno luogo. Le chiese saranno aperte, pur con un rigido distanziamento sociale.

Regno Unito – I leader dei quattro Paesi del Regno Unito (Inghilterra, Galles, Scozia, Irlanda del Nord) hanno raggiunto un accordo che consente riunioni fino a tre famiglie per un massimo di cinque giorni dal 23 al 27 dicembre. Le famiglie, inoltre, potranno spostarsi all’interno del Paese. Il primo ministro di Londra Boris Johnson ha detto ai suoi connazionali di usare il “giudizio personale” sull’opportunità di visitare i parenti anziani, le persone più fragili. Chiunque viaggi da o verso l’Irlanda del Nord potrà farlo dal 22 al 28 dicembre. Una volta creata una “bolla natalizia” familiare, questa non potrà piu’ essere modificata. Tutti gli appartenenti alla bolla potranno restare nella stessa casa, ma non potranno recarsi in strutture ricettive, teatri o negozi. In una dichiarazione congiunta, comunque, i leader dei quattro Paesi del Regno Unito hanno esortato le persone a “riflettere attentamente” sui loro programmi natalizi e a considerare di incontrarsi all’aperto o di riunirsi virtualmente, invece di stare tutti insieme in casa. Hanno aggiunto che il 2020 “non può essere un Natale normale” ma la famiglia e gli amici potranno vedersi in modo “limitato e prudente”.

Spagna – Il governo spagnolo proporrà un Natale e un Capodanno “diversi”, limitando a un massimo di sei persone le celebrazioni per le due festività, anche se spera che “l’anima e lo spirito” di queste feste possano ancora emergere nonostante le restrizioni contro il Covid. Il governo intende raccomandare che incontri tra colleghi d’ufficio e celebrazioni simili prima delle vacanze avvengano sulle terrazze dei ristoranti, all’aperto o in un luogo con “non più di due muri”. Resta al momento lo stato d’emergenza, con i coprifuochi notturni. Non fa eccezione la Catalogna, che ha iniziato il suo piano di riapertura in quattro fasi, con il lento ripristino delle attività di pub e locali: il coprifuoco resta in vigore, dalle 22 alle 6, compreso a Natale e Capodanno. Lo status quo potrebbe essere modificato dal governo di Madrid nei prossimi giorni, in base all’andamento della situazione sanitaria, con “eccezioni natalizie” preparate da un possibile “lockdown chirurgico” che potrebbe essere messo a punto dal 4 al 14 dicembre.

Austria –  Il governo del cancelliere Sebastian Kurz ha avvertito che le attuali misure – chiusura delle attività commerciali, didattica a distanza e restrizione dei movimenti, tra l’altro – potrebbero essere estese oltre il 7 dicembre, data di scadenza dell’ultimo decreto. Il governo austriaco ha inoltre annunciato test di massa per la ricerca dei positivi asintomatici, considerati grande veicolo di contagio del coronavirus. I test dovrebbero iniziare con ogni probabilità il 19 e il 20 dicembre, dunque a ridosso delle festività natalizie, perché secondo Vienna è necessario “salvare il Natale”. L’Austria si oppone invece alla proposta italiana di chiudere tutti gli impianti sciistici dell’Unione europea durante le festività natalizie. A questo proposito, Vienna ha anche ipotizzato di chiedere miliardi di risarcimenti all’Ue.

GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. MATTARELLA: “E’ UN’EMERGENZA”

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

 

5 sapori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here