Mustillo (PC): “Lasciare gli spazi al Salone del libro è un grave errore strategico”

0
129
Intervenuto ai nostri microfoni Alessandro Mustillo del Partito Comunista ha ribadito dopo un articolo pubblicato su “LaRiscossa” la sua posizione sull’abbandono da parte di alcuni autori degli spazi al Salone del Libro di Torino a causa della partecipazione di AltaForte e Polacchi.

“La sinistra ha abbandonato troppe volte il capo di battaglia, lo ha fatto prima nelle periferie ora anche al Salone del Libro. Negli anni del fascismo fu chiesto a tutti i dipendenti pubblici, compresi professori universitari, insegnanti delle scuole, di giurare fedeltà al partito nazionale fascista, pena l’esclusione dalla propria professione. Alcuni intellettuali antifascisti non lo fecero. Fu un gesto tanto nobile, quanto inutile.

Audio integrale dell’intervista:

e prosegue:

“Il risalto mediatico che si sta dando alla vicenda rischia di essere controproducente, nessuno prima in Italia sapeva chi fossero AltaForte e Polacchi, oggi invece fanno un comizio a reti unificate. La sinistra dovrebbe rubare terreno e non lasciare terreno. Se continuiamo ad essere identificati con il PD, il partito delle banche che sostiene questo sistema ingiusto nel quale viviamo, ed il Pd continua solo con una retorica antifascista di facciata, tutti i contrari a questo sistema potrebbero identificarsi in questi ideali reazionari.Renzi scelse Salvini come suo avversario per togliere voti a Berlusconi: oggi è ministro dell’Interno.

Potrebbe interessarti anche: https://nonelaradio.it/intervista-di-prometeo-libero-al-prof-gervasoni-mettere-fuori-legge-un-movimento-politico-di-estrema-destra-puo-essere-controproducente/

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here