MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Sta causando scalpore in Russia il caso di una 45enne, di nome Tatyana O e pesante “oltre 100 chili”, che ha ucciso il marito soffocandolo con le proprie esorbitanti natiche. Per la tragedia in questione, la donna è attualmente sotto processo e ha già ricevuto una condanna per la morte del consorte Aidar. In base alle ricostruzioni degli inquirenti e ai racconti dei testimoni, il decesso dell’uomo si sarebbe verificato al culmine di una lite con Tatyana, dopo che i due avevano bevuto troppo alcol.

Una delle testimoni del delitto, avvenuto nella città siberiana di Novokuzneck, è stata la figlia di Aidar, che, dopo avere visto il padre inchiodato a faccia in giù sul letto di casa, era corsa a chiamare aiuto. Alcuni vicini si sarebbero però rifiutati di andare ad aiutare il malcapitato, sostenendo che si trattasse di una “controversia domestica”. Arrivata sul posto l’ambulanza, i medici non avevano fatto altro che accertare il decesso dell’uomo.

L’autopsia ha in seguito rivelato che l’uomo sarebbe morto per “asfissia a causa del blocco del sistema respiratorio”, in quanto la sua faccia sarebbe stata “incuneata nel materasso”, con Tatyana che, presumibilmente, si sarebbe seduta sul collo del marito. La donna sovrappreso si sarebbe infatti, tra i fumi dell’alcol, seduta in modo tale da impedire all’uomo di muoversi, per poi “soffocarlo a morte con le natiche”.

Dopo l’arrivo della polizia, Tatyana aveva provato a discolparsi raccontando che lei aveva solamente provato a “calmare” il marito, che, dopo avere ecceduto nel bere, urlava come un ossesso. Aidar, in base alla versione della 45enne, sarebbe però improvvisamente svenuto e la vicina di casa avrebbe così chiamato un’ambulanza.

La donna è comunque finita sotto processo per la morte del coniuge, anche se non con l’accusa di omicidio volontario ma con quella di “omicidio per negligenza”. L’imputata, che ha sempre dichiarato di non avere mai voluto uccidere Aidar, è stata alla fine condannata a 18 mesi di lavori correttivi e al pagamento di circa 3mila euro per “danni morali”. Queste settimana, tuttavia, gli investigatori hanno fornito alla Corte degli spunti suscettibili di aggravare la posizione processuale di Tatyana.

In base agli ultimi risultati delle indagini, lei avrebbe soffocato con le proprie natiche il malcapitato perché ubriaca e arrabbiata con quest’ultimo; la 45enne si sarebbe allora seduta sul collo del coniuge dicendogli che lo avrebbe liberato soltanto qualora lui le avesse “chiesto scusa“.

RIAPERTURA DI PISCINE E PALESTRE, QUARANTENA PER I TURISTI E COPRIFUOCO: IL CALENDARIO DI DRAGHI

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here