5 sapori
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Un uomo di 53 anni e i suoi due figli, di 30 e 24 anni, sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio aggravato da discriminazione e odio razziale. Alla base delle accuse c’è l’aggressione compiuta a Modena nei confronti di un ragazzo di 22 anni originario del Burkina Faso. I tre avrebbero colpito il giovane con un machete mentre gli gridavano offese razziste e frasi come: “Tornatene al tuo Paese, qui comandiamo noi”.

La spedizione punitivaI fatti risalgono al 15 luglio. Per gli inquirenti si sarebbe trattato di una spedizione punitiva. Il ragazzo sarebbe stato preso di mira per i contatti di conoscenza che aveva con alcuni marocchini con cui gli aggressori avevano un conto in sospeso, ma la sua unica ‘colpa’, spiegano gli investigatori, è quella di essersi trovato “al posto sbagliato al momento sbagliato”.

I colpi di machete e le offese razzisteIl 22enne è stato aggredito in strada. Uno lo ha preso a bastonate in testa, un altro lo ha colpito con il machete e lo ha accoltellato a un braccio. Intanto gli gridavano offese razziste e frasi come: “Tornatene al tuo Paese, qui comandiamo noi”. Il giovane ha tentato di difendersi dai fendenti e per questo è stato colpito al braccio e non in parti letali, ma anche ora, dopo un’operazione, non ha recuperato la piena funzionalità dell’arto.

LEGGI ANCHE: CASAMONICA, AL VIA DEMOLIZIONE VILLETTE ABUSIVE

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

5 sapori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here