MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Bruno Rullo, 37 anni, è un ex assistente capo della Polizia di Stato vittima di un sistema in Italia che ha voluto colpirlo per la sua attività sindacale.

Bruno è intervenuto ai microfoni di Non è la Radio per Raccontare la sua storia.

Il 20 aprile 2019 è stato licenziato ingiustamente in quanto per anni ha lottato segnalando e denunciando irregolarità e illegalità all’interno della Polizia di Stato sia di Palermo sia in provincia di Palermo che in tutta la Sicilia.

Per ciò è stato vittima di mobbing, situazione che lo ha portato a soffrire tanto a livello depressivo e ansioso, perché da un giorno all’altro si è trovato licenziato senza un motivo valido. Fortunatamente il TAR gli ha dato ragione e il 23 luglio ha accolto il suo ricorso con un’ordinanza che obbliga l’amministrazione a metterlo in servizio.

Ma purtroppo in Polizia i problemi continuano a persistere perché le inadempienze le irregolarità e le illegalità continuano a esistere e a perpetrarsi. Rullo vuole pertanto continuare a lottare affinché giustizia sia fatta e affinché chi ha sbagliato nei suoi confronti possa pagare con la legge il male che ha perpetrato nei suoi riguardi.

GOVERNO, CONTE INCASSA LA FIDUCIA AL SENATO: 156 VOTANO A FAVORE . “VAR” SUL VOTO DI CIAMPOLILLO

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here