MI – La voce del popolo: Terrore incessante contro i serbi del Kosovo, alleati di SNS e SPS – Politica

In Kosovo e Metohija regna un terrore incessante contro la restante popolazione serba, i cui direttori sono le potenze occidentali guidate da Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania, e lo strumento del “Nuovo Fuhrer albanese” Aljbin Kurdi, secondo il gruppo “MI – La voce del popolo” nel bando.

“Tuttavia, hanno degli alleati. O meglio, dei collaboratori: l'alleanza al potere SNS-SPS. Anche durante la seconda guerra mondiale si sapeva chi erano gli aggressori e gli aggressori e chi erano i collaboratori”, dicono.

“MI – La Voce del Popolo” valuta che “il tradimento e l'umiliazione che stiamo vivendo oggi in Kosovo e Metohija non hanno precedenti”.

La loro affermazione che è in corso la “tempesta senza fuoco” del leader della lista serba Zlatan Elek non è il solito “alibi-dolore” dei rappresentanti del governo, ma una “accusa futura”.

“La resa del Kosovo e di Metohija senza un colpo – senza una firma – fu una vergogna non lavata. Il rimprovero di Churchill a Chamberlain dopo Monaco risuona ancora oggi…”, aggiungono.

Se la leadership statale della Serbia pensa che accetterà passivamente l'affermazione secondo cui “se la popolazione serba lascia il Kosovo e Metohija, i paesi Quinte saranno complici diretti”, si sbaglia di grosso. e una scusa per l'inazione e l'osservazione silenziosa della “pulizia etnica del nostro popolo”.

L'odierna “occupazione terroristica del Kosovo settentrionale” è il risultato diretto della firma della Convenzione di Bruxelles.

“MI” chiede alle autorità serbe, in particolare al presidente Vučić, di proteggere il popolo serbo e di presentare al più presto una proposta concreta per lo stato del Kosovo, ma questo non significa “solo scrivere” alle forze di occupazione. e invasori.

READ  Le donne nate sotto questi tre segni zodiacali nel 2024 avranno il coraggio di realizzare i propri sogni

“È tempo di una mobilitazione globale su questa questione statale chiave, di reciprocità nei rapporti con la formazione terroristica di Pristina e di un serio impegno delle forze amiche nella protezione del nostro popolo, dei diritti e del territorio sovrano. “Un governo che non difende il Paese perde la sua legittimità”, dicono.

Seguici sul nostro Facebook Instagram Pagina, ma altro ancora Twitter ordine sottoscrivi Versione PDF del quotidiano Thanas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *