Viaggiare
Viaggiare
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Fa sempre bene viaggiare?

Può sembrare una domanda stupida ma se ci riflettete a fondo, non lo è.

Vivere positivamente o meno con le emozioni che il viaggiare ci regala è strettamente legato al nostro stato d’animo e quindi alla nostra modalità di “lettura” nei contesti che ci apprestiamo a vivere.

Fatta questa breve premessa: perché viaggiare?

Lo scrittore Pino Cacucci dichiara che:

“Le radici sono importanti nella vita di un essere umano, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe son fatte per andare altrove…”

Andare altrove o semplicemente andare?

Un altro scrittore, Fabrizio Caramagna dice che:

“Siamo tutti viaggiatori nati. Abbiamo polvere di stelle nelle vene, cartine geografiche con strade d’argento negli occhi e istruzioni per viaggiare fino a Andromeda…”

Dichiarazioni troppo “sentimentali”?

Ad ognuno di voi la risposta e sia ben chiaro che tutte le risposte saranno giuste, nessuna sarà sbagliata!

Secondo molti viaggiare è l’espediente per scappare dai problemi ed in qualche modo risolverli. Spesso, però, viaggiamo senza neanche accorgercene perché è una necessità.

Si viaggia perché si è alla ricerca di risposte che in contesti a noi familiari faticano ad arrivare.

Si viaggia per imparare a star bene con noi stessi. E già… perché non tutti lo sappiamo fare.

Evadere può, in qualche modo, permetterci di riscoprire o scoprire qualcosa di noi stessi, quel qualcosa che potrebbe ricondurci a noi stessi.

Il conte di Beaconsfield, Benjamin Disraeli, politico ma soprattutto scrittore britannico dell’Ottocento scrisse che:

Come molti viaggiatori ho visto più di quanto ricordi e ricordo più di quanto ho visto.

Viaggiare è anche lasciare spazio alla nostra immaginazione perché immaginare (senza mai, però, abbandonare la realtà) è spesso fonte di stacco dai problemi e nello stesso tempo ci da modo di vedere la “nostra” realtà con occhi nuovi, quindi disposti ad agire in modo diverso.

Loïck Stéphane Yves Peyron, soprannominato Monsieur Multicoque, è un navigatore, velista e skipper francese, specialista dei multiscafi e delle regate oceaniche. Il suo credo è:

“Il più bel viaggio, è quello che non è stato ancora fatto.”

E se scoprissimo l’inutilità della nostra continua ricerca del viaggiare per il semplice fatto che il viaggio più bello ed intenso non è nient’altro che la nostra stessa vita?

E se il viaggio più bello fosse nascosto nella nostra mente e tutti questi nostri sforzi fossero solo un modo disperato di trovare la chiave giusta per aprire la porta ed accedere ad esso?

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here