Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

I giudici hanno riconosciuto l’immunità dei due Marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, ovvero “funzionari dello Stato italiano nell’esercizio delle loro funioni; “tuttavia l’Italia dovrà risarcire la perdita di vite umane sul peschereccio colpito dai militari al largo di Kerale, è stata violata la libertà di navigazione”.

Italia e India hanno avuto un lungo periodo di scontro sia politico che giudiziario, si era giunti successivamente di ricorrere al Tribunale dell’Aja perchè stabilisse, prima di ogni altra cosa, a chi spettasse la giurisdizione del caso: l’Aja ha deciso che l’Italia dovrà far ripartire il processo aperto a suo tempo dalla Procura della Repubblica di Roma.

Nel contempo però, lo stesso tribunale, ha deciso che:

“Il Tribunale però ha rilevato anche che “l’Italia ha violato la libertà di navigazione sancita dagli articoli 87 e 90 della Convenzione delle Onu sul Diritto del Mare, e dovrà compensare l’India per la perdita di vite umane, i danni fisici, il danno materiale all’imbarcazione e il danno morale sofferto dal comandante e altri membri dell’equipaggio del peschereccio indiano Saint Anthony”.

Stabilendo di fatto che la responsabilità e la colpa dell’incidente sia da attribuire ai due marò e dunque all’Italia.

LEGGI ANCHE: “Mio padre morto a Roma di Covid, i suoi effetti ritrovati a Varese: nessun rispetto”

Nonna minacciata e costretta ad assistere allo stupro delle tre nipoti: 71enne muore d’infarto

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK INSTAGRAM TWITTER

 

 

 

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here