MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Qualche mese fa si era parlato molto della giovane maestra d’asilo nel torinerse che nel 2018 ha perso il posto di lavoro dopo la diffusione di sue immagini intime. Oggi il Tribunale di Torino, per quella storia, ha pronunciato due condanne: alla direttrice dell’Istituto è stato inflitto un anno e un mese di reclusione con la condizionale, mentre per una delle mamme la pena è di 12 mesi.

La giovane insegnante si è costituita parte civile e ha ottenuto il diritto a un risarcimento e delle somme di denaro a titolo di provvisionale. La dirigente scolastica era accusata di violenza privata e diffamazione, la mamma di tentata violenza privata e violazione del codice sulla privacy.

Maestra licenziata per le immagini hard, cosa era accaduto

La storia era stata raccontata dalla vittima sui media: un ragazzo che frequentava aveva condiviso alcune sue immagini su WhatsApp con gli “amici del calcetto”, e la compagna di uno degli amici l’aveva riconosciuta perché sua figlia frequentava la scuola in cui la giovane maestra lavorava. A quel punto, secondo il suo racconto, proprio questa mamma l’aveva affrontata dicendole di aver visto quelle immagini e consigliandole di non denunciare, altrimenti avrebbe avvisato la direttrice dell’istituto.

La maestra decise invece di denunciare l’ormai ex partner che aveva condiviso le sue immagini hard con gli amici, e a quel punto la direttrice della scuola aveva scoperto tutto: a quel punto la ragazza ha perso il lavoro. Da qui il lungo procedimento, con la maestra che si è costituita parte civile e ha ottenuto oggi il diritto al risarcimento. Sul banco degli imputati sono appunto finite sia la dirigente scolastica, che l’altra donna, mamma di uno dei suoi alunni e compagna di uno degli amici del suo ex fidanzato.

PARLANO GLI ITALIANI BLOCCATI IN BRASILE: «ABBANDONATI QUI, NEANCHE L’AMBASCIATA SA COSA FARE»

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here