5 sapori
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Una passione, quella per le bolle di sapone, che accompagna Brando da sempre ma che si è trasformata in un problema durante il lockdown.

E’ successo a Ostia, in provincia di Roma, dove a scatenare le ire di una donna sono state le bolle di sapone fatte dal piccolo Brando, di 8 anni.

La quantità di acqua saponata che colava sul suo terrazzo ha fatto imbufalire la condomina che prima ha fatto mandare una lettera dall’avvocato e poi ha allertato la polizia locale.

ASCOLTA L’INTERVISTA COMPLETA:

Francesca, ci racconti cosa è accaduto nel vostro condominio?
Vivo a Ostia da sempre, da 5 anni in un palazzo signorile, sono consapevole che vivere vicino a un bambino con una disabilità come mio figlio può provocare disagio, quindi non accuso la signora che ha chiamato i vigili per le bolle di sapone di mio figlio
Stiamo parlando comunque di un bambino che si diverte con le bolle di sapone
Esatto, per me è un gioco, io non posso levargli la felicità, durante il lockdown ho cercato di preservare mio figlio dallo stress nello stress, si è visto chiudere scuola, chiudere la terapia, chiudere lo sport, commenti positivi ne ho avuti tanti, ma anche negativi. 
Mio figlio non ha canali verbali, per manifestare le emozioni ci mette un po’ di più e un lockdown è stata una novità per tutti
Questa denuncia c’è stata durante il lockdown
Sì, perchè purtroppo durante il lockdown la situazione è andata ad aumentare, a mio figlio non do una pistola coi piombini ma una pistola sparabolle
Quindi lui durante il lockdown ha fatto più bolle del solito
Sì e io scendevo sempre a pulire, poi durante il lockdown la signora di sotto si affacciava spesso a urlare
Il problema sono le bolle di sapone sul terrazzo della signora di sotto?
Sì, mi vergogno io, parlare di queste che si potevano risolvere benissimo in tranquillità, senza accumulare altro stress
E la signora di sotto cosa ha fatto?
Mi ha mandato una lettera tramite il suo legale, successivamente mi hanno citofonato due agenti della polizia locale dicendomi di far fare meno bolle a mio figlio, gli ho chiesto se conoscessero l’autismo, loro mi hanno risposto che non lo sapevano, al contrario di tante altre persone che conoscono Brando che è la mascotte di tutti. 
Far fare delle bolle di sapone, per un bambino autistico è il danno minore, altrimenti avrebbe combinato altre cose.
Io sono dispiaciuta del danno e del disagio arrecato alla signora, sono sempre stata disposta ad andare a pulire, ho proposto di mandarle un’altra persona a pagamento a pulire, lei ha detto di no
Si è proprio impuntata quindi?
Bravissimo
Non siete mai andate d’accordo?
All’inizio sì, è una persona più grande di me, per la quale ho rispetto, le ho spiegato il problema di mio figlio che ha un comportamento che visto da altri può sembrare bizzarro ma io ho cercato sempre di rimediare, come scendere, pulire e spiegare la situazione
E ora come è la situazione?
I vigili hanno detto che sarebbero tornati dopo 10 giorni per vedere se avremmo trovato un accordo e mi hanno consigliato di scrivere una lettera in cui mi impegno a pulire
Ma questo lo hai sempre fatto?
Appunto, però non entrando da casa ma dal cancello esterno, lei avrebbe aperto e io o chi per me sarebbe entrata per pulire, io non niente contro la signora, sono disposta a pulire, ma sembra che lei abbia usato questa situazione per “punirmi”
Dopo questo fatto hai parlato con la signora?
Mai, io mi concentro sui miei figli e sulla mia famiglia, per Brando la serenità e l’equilibrio sono importanti, non ho bisogno di negatività, anche se lui non lo sa, si avverte dentro casa che c’è maggior tensione
Vuoi mandare un messaggio a questa signora?
C’è bisogno di rispetto per queste creature, lui continuerà a fare le bolle, per lui è un anti-stress, non sappiamo nemmeno se la terapia a scuola riprenderà e lui riprenderà la sua routine come scuola e nuoto, a quel punto le bolle spariranno. Non mi sono impuntata ma ci sono rimasta mole, gli autistici a questo punto siamo noi, non mio figlio
E ora si dovranno spostare i vigili pagati dal Comune
Con la volante addirittura sono venuti, erano molto in imbarazzo ma hanno fatto il loro lavoro
Però al momento non c’è una vera e propria denuncia
No, a me non è stato rilasciato nulla, loro hanno detto che la signora li ha chiamati più volte e loro sono dovuti venire
Sembra quasi una Fake News
Sì, è tutto assurdo
Noi chiediamo a questa signora di essere più sensibile e tollerante, sono un po’ di bolle, lasciate che Brando faccia le bolle
Scendo anche io a pulire
I rapporti di buon vicinato non possono essere rovinati da un po’ di sapone sul davanzale. Francesca, noi ti ringraziamo per la testimonianza
Grazie a voi!
Un bacione e un abbraccione a Brando da tutta Non è la Radio!
5 sapori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here