A prima vista è uno Smartphone.

Forma rettangolare, colore che si avvicina di molto al nero..insomma un oggetto che quotidianamente usiamo e teniamo in mano nella vita di tutti i giorni.

Se non fosse che l’oggetto appena descritto è stato rinvenuto in una tomba antichissima in Russia!

L’antico “smartphone” è stato rinvenuto accanto ad uno scheletro, ed è vecchio più di duemila anni.

Per l’esattezza quasi 2200 anni secondo i primi riscontri tecnici condotti dagli archeologi.

La strana scoperta è avvenuta nella necropoli di Ala-Tey nei pressi della diga prosciugata di Sayano-Shushenskaya.

L’oggetto, che ricorda appunto  vagamente un telefono cellulare, secondo le prime ipotesi sarebbe un oggetto molto caro alla donna prima che morisse.

Il manufatto è realizzato in gemma nera ed è impreziosito da vari intarsi contenenti numerose pietre preziose, specifica l’articolo del Daily Mirror, che racconta dell’insolita scoperta archeologica.

Secondo gli studiosi che lo hanno rinvenuto, si tratterebbe di un accessorio molto usato dalla donna.

Si tratterebbe infatti di una fibbia di una cintura, usato nella Russia meridionale rurale nell’era Hunnu.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here