Armstrong, Collins e Aldrin in posa con le tute spaziali prima della missione
Armstrong, Collins e Aldrin

Forse non tutti sanno che:

Se il 20 luglio del 1969, il primo uomo, Neil Armstrong, mise piede sulla Luna e ritornò a casa, sulla Terra, il merito fu soprattutto di un Romano, ebbene sì.
Il suo nome è Michael Collins, voi direte: “come fa a esse’ Romano uno che se chiama così?“, perchè lo fu di nascita, visto che nacque a Roma, il  31 ottobre del 1930.

Il papà all’epoca era un funzionario dell’ambasciata americana a Roma a via Veneto e Michael nacque nell’appartamento di famiglia della vicina via Tevere, al civico 18.

Il ruolo di Collins fu fondamentale durante tutta la missione Apollo 11, infatti fu colui che permise a Neil Armostrong e a Buzz Aldrin di allunare e fu colui che li riprese dopo aver più volte fatto il giro della Luna.

Fu dunque tra i primissimi uomini a vedere il lato oscuro della Luna e rimase isolato da tutto il mondo, durante lo storico allunaggio. Nonostante l’importanza del suo ruolo non potè nemmeno assistere all’evento, nonostante ne fosse il protagonista.

Viene spesso citato come l’astronauta dimenticato, noi però ce lo ricordiamo, soprattutto perchè è nato Roma.

Chissà se, appena ripresi a bordo del modulo Columbia, Aldrin ed Armstrong non abbia esclamato: “DAJE REGA’!“.

Leonardo Orsi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here