Ambasciata svedese a Roma
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab

L’ambasciata svedese in Italia accusa i media italiani di aver creato una “spirale di disinformazione” sul modo in cui il paese scandinavo sta affrontando l’emergenza Coronavirus.

LEGGI ANCHE: GERMANIA “L’AUMENTO DEI CONTAGI? LO ABBIAMO APPRESO DALL’ITALIA”

In un post su facebook, l’ambasciata afferma che una recente intervista del primo ministro Stefan Löfven alla televisione svedese “è stata estrapolata dal suo contesto e citata in maniera non corretta” dai media italiani, che nella traduzione parlavano di un ‘mea culpa’ di Löfven sulle misure adottate per limitare la diffusione del virus (“Non abbiamo fatto abbastanza”, è il virgolettato attribuito al primo ministro svedese).

“La Svezia condivide gli stessi obiettivi di tutti gli altri paesi: salvare vite e proteggere la salute pubblica. Stiamo affrontando molte sfide comuni anche ad altri paesi: l’entità e la velocità di diffusione del virus e la pressione sul sistema sanitario nazionale. Stiamo usando strumenti simili alla maggior parte degli altri paesi, promuovendo il distanziamento sociale, la protezione delle persone vulnerabili e i gruppi a rischio, effettuando test e rafforzando il sistema sanitario per far fronte alla pandemia. Lavorare da casa quando è possibile, evitare i mezzi pubblici e i luoghi affollati, limitare i contatti con altre persone e restare in casa al minimo segno di raffreddore, sono solo alcune delle misure di contenimento adottate in Svezia”, sottolinea la rappresentanza diplomatica svedese a Roma, rimarcando che “l’attenzione del governo è sempre stata quella di garantire, sulla base del parere delle autorità competenti, che vengano prese le misure giuste al momento giusto per proteggere innanzitutto la salute e la sicurezza della popolazione”.

“La Svezia -si legge ancora nel post- condivide lo stesso obiettivo di tutti gli altri paesi: proteggere la vita e la salute del suo popolo. Fondamentalmente, le misure adottate dalla Svezia differiscono da quelle di altri paesi solo in alcuni punti, per esempio non stiamo chiudendo le scuole per i bambini più piccoli e gli asili nido e non abbiamo alcuna regolamentazione che costringa i cittadini a rimanere nelle loro case. Non esiste una strategia per creare ‘immunità di gregge’ in risposta a Covid-19. Anche se in Svezia non è in vigore un lockdown totale, molte attività sono chiuse e la popolazione osserva le raccomandazioni fatte dal governo e dagli esperti”.

“Come molti altri paesi -conclude l’ambasciata-, anche la Svezia è stata colta di sorpresa nel dover affrontare una pandemia di questa portata, una delle più drammatiche esperienze della nostra vita. E come gli altri paesi stiamo facendo del nostro meglio per limitarne l’impatto e tornare alla normalità il più presto possibile”.

LEGGI ANCHE: IL PICCO DEI CONTAGI IN SVEZIA? UN’ALTRA FAKE NEWS

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here