Tensione a Casal Bruciato
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Sicuramente i requisiti per ottenere una casa popolare, la famiglia Rom composta da 14 membri li ha tutti, a mancare però sono i requisiti per circolare in automobile, la stessa con la quale sono giunti a Casal Bruciato.

Così, mentre il Sindaco di Roma, Virginia Raggi, visitava la famiglia Rom, assicurando la stampa di aver conosciuto personalmente questa famiglia, legittima assegnataria di una casa popolare, i Vigili Urbani di Roma Capitale, provvedevano alla rimozione del veicolo, privo di tutti i requisiti di circolazione.

L’auto intatti, una Lancia Station Wagon, dopo un controllo, richiesto dai residenti del quartiere e dai manifestanti di CasaPound, è risultata priva di assicurazione e con una targa dismessa nel 2004, corrispondente addirittura a un altro veicolo, una Mazda.

L'auto dei Rom, portata via da un carro attrezzi
L’auto dei Rom, portata via da un carro attrezzi

Nessuna parola invece è stata spesa dal Sindaco verso gli inquilini di via Sebastiano Satta 20, una volta uscita dal portone dello stabile, da qui è partita la contestazione degli stessi che abbiamo documentato in diretta.

In quel momento infatti, i manifestanti di CasaPound erano fuori dal comprensorio, tenuti a distanza dalle forze dell’ordine e nel cortile c’erano appena una ventina di residenti, completamente ignorati dal Sindaco di Roma, uscito in tutta fretta per dichiarare successivamente alla stampa che la famiglia aveva tutti i requisiti per entrare in possesso dell’alloggio. Ma su questo non c’erano dubbi.

Nessuna richiesta dei residenti è stata ascoltata. Tra di loro c’erano anche elettori del M5S. “Pensi solo allo stadio della Roma!”, le è stato urlato. Uno di loro è stato ospite della nostra radio ieri sera, deluso dal comportamento del Sindaco.

Ascolta l’audio in diretta del nostro ospite residente a Casal Bruciato:

 

E’ stato giusto visitare la famiglia per non farla sentire sola contro tutti, sarebbe stato giusto anche sentire le motivazioni dei residenti, per non farli sentire abbandonati a se stessi e per non lasciarli delusi e con l’amaro in bocca, come invece è successo.

Quello che ieri è mancato totalmente, è stato il rapporto con la gente.

Rapporto sul quale, la Raggi e il M5S ha basato la propria campagna elettorale: “Saranno i romani a governare la città” e “La nostra scorta sarà la gente”, beh, ieri di fronte a 20 condomini delusi e impauriti, la scorta sono stati gli agenti.

 

Leonardo Orsi

 

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here